Archivi tag: roy keane

Un sacco di Forest, in giro per il mondo.

Per quanto riguarda la giornata di ieri, a parte la bellissima vittoria del Forest, di cui parleremo dopo, vorrei sottolineare lo scontro "fratricida" tra Ipswich Town e Derby County (i Rams, purtroppo, sono la squadra del momento, in Championhip, e sono passati per 2-0 anche a Portman Road), con un sacco di Forest in panchina. Niggio e Keano erano tutti e due nella squadra che vinse il nostro ultimo trofeo a Wembley e, nonostante tutto, si fa davvero fatica a considerarli degli avversari.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Senza categoria

Roy Keane, gli inizi al Forest

Da Lopo, lettore e commentatore competente di questo blog, riceviamo e pubblichiamo molto volentieri un pezzo su Roy Keane. Resta inteso che chiunque voglia intervenire sul Forest e sulle sue leggende sarà il benvenuto.

* * *

Roy Maurice Keane nasce a Cork, in Irlanda, il 10 agosto 1971, quarto di cinque fratelli. A differenza di altri grandi giocatori, non entra nell’academy di qualche club importante, ma rimane a giocare in squadre locali, l’ultima delle quali era il Cobh Ramblers. Nel febbraio 1990 fu notato da uno scout del Forest, Noel McCabe. Nel proporgli un provino, McCabe gli disse: “ Sei il tipico giocatore da Forest, ragazzo. Puoi passare la palla con semplicità, lavorare sui due lati del campo e segnare. Andrai d’accordo con Brian Clough”.
Nel mese di aprile, Keane ha la sua occasione, si allena con le riserve, gioca 70 minuti contro il Tranmere Rovers. Clough aveva visto abbastanza, decise di mettere sotto contratto quel ragazzo irlandese.

John O’Rourke e il vicepresidente John Meade guidavano la delegazione del Cobh Ramblers per chiudere questo affare con il Forest. La società chiese l’assistenza dell’ex giocatore del Chelsea e dell’Inghilterra John Hollins che aveva familiarità con questo tipo di affari.

A Nottingham Ronnie Fenton presiedeva l’operazione. Appena tutto iniziò, io mi sforzai di rimanere calmo. I signori del Cobh stavano parlando di tanti soldi.
Le cose non andavano bene finché Brian Clough non entrò nella stanza. Aveva un vecchio maglione verde e portava con sé il suo golden retriever.

Mentre io giocavo con il cane, gli altri parlavano di soldi. Clough ordinò a Fenton di dare “ai gentlemen irlandesi” un drink.
“È valido?“ chiese Clough a Fenton, puntando il dito verso di me.
“Può giocare, capo” rispose Fenton.
Adesso stavano parlando di soldi reali: £20.000 subito, altre £10.000 dopo 10 partite con la squadra e ulteriori £10.000 quando fossi arrivato a 20 partite.
Altre £7.000 sarebbero andate al Cobh quando avessi raggiunto quota 5 presenze nella nazionale irlandese.
“Abbiamo chiuso l’affare, Mr Clough”, sentii dire da John O’Rourke.
“Questi soldi non andranno a finire nelle vostre tasche, vero?”, ringhiò Clough.
“Mr Clough, abbiamo dovuto prendere un giorno di ferie dal lavoro per essere qui oggi. Ci costa dei soldi” rispose O’Rourke.
“Ok Ronnie, dagli i soldi”. Girandosi verso la delegazione irlandese, aggiunse: “Potete chiamarmi Brian. Adesso beviamo qualcosa”.
Girandosi verso di me e il cane, disse bruscamente : “Eccetto tu, tu puoi chiamarmi Mr Clough”.

Hanno rotto lo stampo quando hanno creato quest’uomo, pensai dentro di me.

Questo è il racconto del primo incontro tra Clough e Keane, raccontato da quest’ultimo. L’impatto di Keane con il Forest è buono, per un ragazzo che giocava tra i semidilettanti trovarsi a giocare con Pearce, Des Walker, Hodge e Nigel Clough è quasi un sogno. Nella squadra riserve, tra gli altri c’è Steve Stone. Keane debutta con la maglia del Forest ad Anfield:

Era la classica sfida che Brian Clough amava. Se le altre squadre erano già battute prima ancora di vedere il celeberrimo cartello “THIS IS ANFIELD” posto nel tunnel che dagli spogliatoi porta in campo, Clough sentiva il desiderio di violare quella leggenda e trasmetteva questo pensiero ai suoi giocatori. Per rendermi utile iniziai ad aiutare il magazziniere a preparare tutto il necessario. “Irlandese, cosa stai facendo?”
“Sto dando una mano”, risposi.
“Beh, prendi la maglia numero 7. Sei in campo”.
“Scusi?”
“Sei in campo”.
Rimasi scioccato.

Quando incontrai Brian Clough nello spogliatoio del City Ground la mattina seguente, mi chiese il mio nome.
“Roy” risposi.
Poi si tolse le scarpe, piene di fango per avere portato in giro per i prati il suo cane Dell.
“Dagli una pulita per me, Roy. Lo farai vero?” .
Ero felice di potermi rendere utile. Sapevo bene cosa stava facendo e perché.
Ma non c’era alcun pericolo che mi montassi la testa.

Nel debutto casalingo (contro il Southampton), tutta la famiglia di Keane si reca al City Ground. Il Forest vince 3-1 e Keane, autore di una buona partita, viene sostituito a 10 minuti dalla fine in modo che gli venga tributata la standing ovation e a fine partita viene richiamato da Clough in campo.

Rimasi ancora più sorpreso quando Brian Clough mi abbracciò e mi baciò sulla guancia per il piacere e il divertimento della folla. […]
Nel giorno della partita con il Southampton, Clough fu particolarmente cortese con la mia famiglia. Con tutto il suo successo Clough poteva essere estremamente umano, cosa non molto frequente quando si parla di leggende viventi.

Bastone e carota, decisamente un profondo conoscitore dell’animo umano!

Roy Keane – la carriera al Forest

Nel suo libro, (o meglio nella sua prima parte) Keane ha solo parole belle per Clough, il Forest e Nottingham. L’ambiente di Nottingham a Keane ricordava la natìa Cork ( prendiamolo come un complimento!).

Per quanto riguarda il Forest , Keane indica in Pearce e Des Walker i giocatori più rappresentativi:

Ci sono persone che si definiscono professionisti ma in Stuart Pearce abbiamo il giocatore che da il vero significato a quella parola. Pearce era un leader, un vero professionista, come d’altra parte dimostrò nel pareggio di coppa a Newcastle ( 4° turno FA CUP 1991).
Funse da esempio.
La sua voglia di sfida era contagiosa. Quando le altre teste stavano iniziando ad abbassarsi, Pearce localizzò i giocatori e li spronò a reagire.
Alcuni avevano bisogno di essere insultati, altri di una pacca sulla schiena. Se Stuart Pearce era il mio modello in campo, Des Walker era il mio uomo della notte.
Des era un ottimo giocatore. Era anche un playboy di livello mondiale.
Possedeva macchine, aveva il look giusto e rimorchiava le ragazze. Amava farsi una bevuta ed era una grande compagnia per passare le serate. Des prese me e altri giovani giocatori sotto la sua ala protettrice nei suoi giri nei locali alla moda di Nottingham.
Mentre lui teneva il campo, circondato, al mio innocente occhio irlandese, di bellissime ragazze, offrendo da bere a tutti, noi eravamo felici di avere ruoli di supporto silenziosi. Giovani, single e giocatori del Forest, cosa potevamo volere di più? [Nei tour serali di Nottingham Roy conoscerà Theresa, che diventerà sua moglie]

La prima stagione al Forest di Keane termina con la sconfitta nella finale FA Cup contro il Tottenham.
Qualche giorno dopo arriva la convocazione per la nazionale irlandese; abituato a Clough, Keane è inorridito dai sistemi di Jack Charlton:

L’approccio al calcio di Charlton era agli antipodi rispetto a quello che avevamo al Forest. Passare la palla non era una priorità.
Quello che lui chiedeva era un altro tipo di calcio: si doveva creare problemi agli avversari piuttosto che essere creativi. L’idea era quella di sparare la palla lunga dietro ai difensori avversari prima di iniziare a pressarli.
[….]
Uno stile di gioco piuttosto elementare, difficile da coniugare per qualcuno che aveva un background come quello del Forest dove mettevamo in pratica un gioco fatto di molti passaggi.

La seconda stagione al Forest inizia sotto i migliori auspici:

Ero fortunato a trovarmi in una buona squadra, allenata da un grande manager. Stuart Pearce, Des Walker, Nigel Clough e Teddy Sheringham (acquistato dal Milwall) erano giocatori di prima fascia, che davano il giusto mix di classe e competitività al nostro gioco.
Eravamo all’altezza di giocare con tutti in una giornata favorevole.
Ma in un campionato il Forest non aveva le forze necessarie per stare al passo dei grandi club. Alla fine della stagione il Forest si classifica ottavo.
Qualcosa inizia a scricchiolare, siamo alla viglilia della nascita della premier league; nei tifosi del Forest inizia ad insinuarsi il dubbio che Clough non era più l’uomo della leggenda, capace di compiere altri miracoli, anche nello spogliatoio le opinioni su Clough sono variegate: alcuni giocatori avevano paura di lui; ad altri non piaceva; alcuni brontolavano per non aver visto abbastanza del manager.
Il mio personale punto di vista su Clough non era forse molto obbiettivo: lui mi ha dato un chance, devo a lui tutto quello che ho.
Quanti manager rischierebbero la loro reputazione mettendo in squadra un diciannovenne ad Anfield, un ragazzo senza alcuna esperienza nel mondo del professionismo?

Incominciava anche a cambiare anche l’atteggiamento dei giocatori ( e il loro stile di vita ). Keane si scaglia contro i giocatori svogliati interessati più al golf e allo shopping che agli allenamenti. Il suo tardivo arrivo al mondo del professionismo (e la cura Clough) hanno influito sulla sua visione delle cose: ribadisce la sua ammirazione per “psycho” Pearce, definito uno che “non aveva mai chiesto a nessuno qualcosa che lui non fosse preparato a fare” oramai detestato da una parte dello spogliatoio.

Un giorno, quando lui era assente dal campo di allenamento, stavamo preparandoci per una seduta di pesi.
Dopo una mezz’ora, Dell, il cane del manager comparve davanti a noi seguito dal suo padrone, vestito come al solito con un cappotto di pecora , una camicia verde e degli stivali.
“Che cazzo sono questi così?” chiese Clough a O’Kane riferendosi ai pesi.
Prima che O’Kane potesse spiegare , Clough ordinò “Metteteli fuori di qui … e tirate fuori i palloni”.

Questa era la sua forza. E, suppongo, la sua debolezza con il gioco che stava cambiando mentre ci preparavamo ad entrare nell’era della Premier League. Tristemente, come Margaret Thatcher, la signora che lui disprezzava, Brian Clough non era pronto alla svolta.

Nella terza stagione (1992/93) la squadra è sostanzialmente quella dell’anno precedente; dopo poche settimane, Sheringham se ne va agli Spurs e, dopo tanti anni c’è la sensazione che Clough stia perdendo la fiducia della società.
La squadra va male e cominciano le voci dell’interesse di Blackburn, Liverpool, Arsenal e Aston Villa su Keane.

Da profondo conoscitore dell’utilizzo del bastone e della carota, Clough in pubblico attacca Keane dichiarando : “Keane è come un bambino che si sveglia la mattina di Natale e trova una mela un’arancia e una scatola di smarties nella sua calza. Vuole di più”.
In privato, invece, lo aiuta ad avere un nuovo contratto.
Nel prosieguo della stagione si infortuna anche Pearce, l’anima della squadra, rimanendo fuori per un paio di mesi.
Al penultimo turno, la partita al City Ground con lo Sheffield United è decisiva, una sconfitta significa retrocessione. Alla vigilia Clough annuncia le sue dimissioni al termine della stagione. Dopo l’annuncio Clough non si era più incontrato con la squadra fino a pochi minuti prima del match decisivo:

Mentre camminavamo nel tunnel alle tre meno cinque, improvvisamente apparve Brian Clough. Ci venne incontro dalla fine del tunnel vestito con il cappotto di pecora, gli stivali e con in mano una pala, fischiettando! Penso volesse arrivare a farci capire che si trattava di un’altra partita.
“Non preoccupatevi ragazzi, io non sono preoccupato!”.
Folle.
Clough allo stato puro.
Sfortunatamente questa volta il trucchetto non funzionò .
Lo Sheffield United ci battè 2-0. Troppo consci del prezzo del fallimento, alcuni dei nostri giocatori erano impietriti.

Eravamo, in teoria, troppo in gamba per uscire dalla Premier League. Ma in qualche modo l’energia e la convinzione che Brian Clough al suo meglio aveva inculcato nelle sue squadre non c’erano più. Distratto da cose che non avevano a che fare con le questioni della squadra, in disaccordo con la dirigenza e gli azionisti del Forest, stanco di spingere questa società relativamente piccola oltre le sue potenzialità, Clough stava assaporando, per la prima volta nella sua illustre carriera, il sapore del fallimento.
Quelli che nello spogliatoio del Forest si erano lamentati del fatto che fosse cotto avevano ragione. Come sempre nello spogliatoio l’ultima cosa che le persone fecero fu guardarsi dentro e accettare la responsabilità dei loro fallimenti.

Pochi minuti dopo aver perso il loro status di giocatori di Premier League, alcuni dei ragazzi si stavano facendo degli scherzi dentro le docce. Non ci potevo credere. Le loro carriere erano in caduta libera e loro stavano pensando in quale ristorante andare quella sera!

Così si conclude la carriera di Keane al Forest.
Una clausola nel suo contratto gli permette, in caso di retrocessione, di essere ceduto.
Il Forest è d’accordo a liberarlo a fronte di un adeguato prezzo. Il pretendente più deciso è il Blackburn Rovers, club emergente ( che aveva acquistato da poco Alan Shearer ) il cui manager, Kenny Dalglish, era vicinissimo all’accordo.

Quella vecchia volpe di Alex Ferguson si intromette e convince Keane a firmare per lo United con la frase: “Roy, il Manchester United dominerà in campionato con te o senza di te. Con te possiamo vincere in Europa!”

Di Clough Keane parla sempre con profonda stima e rispetto, direi quasi con affetto, anche il problema dell’alcolismo viene accennato quasi con pudore. A mio avviso la seguente frase indica con precisione il pensiero di Keane:

Avrei avuto più tardi i miei problemi con Brian Clough – nessuno a dire il vero particolarmente serio – avrei sentito le storie sulle sbronze e tutto il resto, ma non avrei mai dimenticato quello che aveva fatto per me e come l’aveva fatto.

Era un uomo fatto a modo suo, preparato a fare scelte audaci, che si oppongono al buon senso comune

Molto triste e toccante è un episodio che Keane racconta dell’ultimo periodo della sua carriera al Forest:

Brian Clough non era immune alla pressione di una possibile retrocessione, anche se stava lavorando duramente perché mantenessimo un atteggiamento positivo.
Dopo una partita casalinga, andai da lui per chiedergli qualche giorno di permesso per andare a casa. Erano circa le 17.30 di un buon pomeriggio invernale. La sua segretaria mi portò nell’ufficio del manager.
Graham Taylor era seduto in corridoio davanti ad un ufficio all’apparenza vuoto. Non c’erano luci. La segretaria mi aprì la porta e mi fece cenno di entrare. Mentre stavo per sedermi ad aspettare l’arrivo di Clough – pensavo fosse nella sala del consiglio- una voce bisbigliò : “Roy, Roy, quaggiù.”

C’era uno dei più grandi manager del mondo del calcio seduto in un angolo.
“C’è ancora Taylor là fuori?”
“Sì, Boss” risposi.
Mettendo un dito davanti alle labbra mi ordinò di stare zitto.
“Vuole vedermi per Nigel, ma non voglio parlargli, Ron gli ha detto che sono andato a casa”, sussurrò Clough.
Da un lato la scena era comica, dall’altro molto triste.
Taylor era il manager dell’Inghilterra, un ruolo che Clough aveva molto desiderato. Nigel era un papabile per un posto in nazionale. Capii che, dopo un altro brutto sabato pomeriggio, Clough non poteva preoccuparsi di una stupida chiacchierata post-partita di quelle che i manager di calcio sono obbligati a fare.
“Posso avere qualche giorno libero, Boss”, bisbigliai.
“Certamente ma esci dall’altra porta. Io resto qui, finche quel fottuto non se ne sarà andato “.

Mentre lasciavo Brian Clough che si nascondeva nel suo stesso ufficio, riflettevo sul peso che il calcio può avere anche su di uno dei suoi personaggi più combattivi.

Purtroppo il libro e’ del 2002, per cui non ci altri sono ricordi su Clough.

Roy Keane – oltre al Forest

Quanto sopra è tratto dalla prima parte della biografia che Roy Keane ha scritto (coadiuvato da Eamon Dunphy) nel 2002, in occasione del suo “gran rifiuto “ alla vigilia dei mondiali nippo-coreani.
Personalmente, ho una ammirazione speciale per Keane, per la sua determinazione e per il suo modo di essere leader con un gusto un po’ retrò (gli attacchi frequenti ai giovani viziati sono l’indice di uno spirito “old style” o scuola Clough se preferite).

Il libro è godibile, e anche nella restante parte ci sono diversi spunti interessanti: dalle note sui compagni allo United (Cantona su tutti) ai racconti sulle partite importanti (mi piace ricordare la semifinale di Champions League 98/99 Juventus- Manchester United, a mio avviso la miglior partita dello United degli ultimi 20 anni) dal disagio dell’esperienza in nazionale, quasi amatoriale rapportata alla professionalità del Forest prima e dello United dopo, alla ragnatela di “informatori” (tassisti, baristi, buttafuori) che davano a Ferguson gli spostamenti notturni dei giocatori.
Vorrei solo proporre due momenti che mi hanno colpito e che danno la cifra della professionalità (o grande amore per il calcio) di Keano:

Quell’estate se ne era andato Peter Schmeichel. Il capo aveva ingaggiato due portieri per sostituirlo: Mark Bosnich dal Villa e Massimo Taibi dal Venezia. Bosnich aveva un carattere piacevole. Portiere dotato, Bosy non sembrava esattamente un professionista molto dedito. Al suo primo giorno arrivò un ora in ritardo all’allenamento. Il manager era via da qualche parte. Quando Bosy comparve intorno alle undici, gli chiesi dove fosse stato.
“Mi sono perso sulla strada dall’hotel” sogghignò compiaciuto. Aveva spesso quel ghigno.
“Che cazzo vuol dire mi sono perso?” risposi anch’io sorridendo.
“Sì, ragazzo” disse Bosy “E’ il tuo primo giorno al Manchester United e tu arrivi con un ora di ritardo al fottuto allenamento” dissi.
È strano, ma quel piccolo incidente mi ricordava qualcosa. Come Bosnich, anch’io ero stato dirottato al Four Season Hotel il mio primo giorno a Manchester, sei anni prima. Temendo di arrivare in ritardo, chiamai un taxi, dissi all’autista di andare al The Cliff e lo seguii con la mia macchina. Arrivai un ora in anticipo. Le piccole cose sono importanti, spesso mostrano quale impegno metti nel lavoro.
Gli diedi una mossa per svegliarlo e fargli capire cosa ci si aspettava da un giocatore del Manchester United.

Quest’ultima frase non mi suona molto rassicurante…

Avevamo fallito il tentativo di difendere la Champions League. Ad essere onesto non ne ero sorpreso. Dopo avere vinto i tre trofei sapevo che sarebbe stato difficile creare quella fame necessaria per vincere l’accoppiata Premiership/Champions League nella stagione seguente. Iniziai ad avere i primi dubbi nello spogliatoio del Nou Camp dopo la vittoria contro il Bayern. C’era lo champagne, la gente stava perdendo la testa. Ovviamente era comprensibile, la natura umana. Ma la mia verità, quello che sentivo dentro e non lo dicevo, era che eravamo stati fortunati a battere il Bayern quella sera. In quel momento non potevo dirlo. Non avevo contribuito (Keane era squalificato per la finale di Barcellona contro il Bayern). Comunque era quello che pensavo. […]
Quando sentii le interviste del post partita, i miei dubbi, aumentarono. Un paio di giocatori dissero alla stampa che dopo quella serata non gli sarebbe importato niente se non avessero vinto più nulla. Ottimo, pensai. Sovraeccitati forse, ma cosa cazzo faremo l’anno prossimo? Stanno così le cose? Abbiamo fatto la storia, adesso ci vogliamo fermare qui? Non ci importa se non vinciamo più nulla? Gesù; inizia a pensarla così e non vincerai davvero più nessun altro trofeo.
Quello che è accaduto a Dwight Yorke da quella sera è forse l’esempio più drammatico della nostra caduta. Ma altri si erano ammorbiditi in modo più sottile e insidioso. […]

Mi faceva impazzire allora, mi fa impazzire adesso. Cosa dire del passo successivo, quello che ci avrebbe portato dalla gloria della Premiership fino al livello del Real Madrid? Avrebbe dovuto piacerci quella notte… e farci andare avanti. Non l’abbiamo fatto. Pagheremo per questo. Non vinceremo più un fottutissimo trofeo.

La sconfitta col Real Madrid andava bene, perché non ce la potevi fare ogni anno. E perché no? Il Liverpool ce l’aveva fatta. Il Real ce l’aveva fatta. La Juventus ce l’aveva fatta. Il Bayern ce l’aveva fatta.

Forse la prima crepa nel rapporto tra Keane e lo United risale ad uno dei momenti più belli del club: la conquista del treble…. Mi sono sempre chiesto chi fossero i due giocatori “incriminati” ; uno di sicuro è Yorke, il secondo direi che è Butt, che dopo Barcellona è andato sempre in calando (al debutto sembrava invece più forte di Scholes…).

Con queste note spero di avere deliziato gli esigenti palati dei tifosi del Forest .

Ringrazio Brian per l’ospitalità

Lopo

Per chi volesse approfondire:
Roy Keane – l’autobiografia
Roy Keane e Eamos Dunphy
Edizioni Libreria dello Sport

29 commenti

Archiviato in forest legends