Archivi categoria: La storia del Nottingham Forest FC

1959 Fa Cup Final: il “Players’ pool”

|

Torniamo a Gary Imlach e al suo My Father and Other Working-Class Football Heroes, per occuparci questa volta del periodo immediatamente precedente alla finale; in particolare, soprattutto, del modo in cui i giocatori del Forest cercarono di arrotondare il loro magro stipendio con qualche piccola trovata imprenditoriale, come vedremo, più o meno lecita.

È un gustoso quadretto d’epoca (anche se a tratti tragico), in cui le ultime onde di povertà e di austerità provenienti direttamente dal dopoguerra andavano a morire sulle scogliere di un incipiente e generalizzato benessere: se nel 1959 i giornali si dividevano ancora tra i trasferimenti dei giocatori e la fine del razionamento del burro, i giocatori guadagnavano £15 a settimana, le squadre eliminate in semifinale licenziavano i giocatori come se fossero aziende in crisi, e il bagarinaggio era l’attività più lucrativa per chi riusciva a portare la sua squadra agli ultimi turni di FA Cup, dieci anni più tardi George Best, con i suoi ingaggi e con il suo stile di vita, metterà definitivamente fine all’appartenenza di giocatori di calcio e tifosi della working-class alla medesima comunità, e darà il via a una nuova identificazione, che prosegue tutt’ora: quella tra i calciatori e le stelle del rock e della musica pop.

|

IL PLAYER’S POOL

Nell’aprile del 1959, poco dopo che il Forest ebbe battuto l’Aston Villa in semifinale, Billy Walker fu invitato come oratore ospite a un incontro di uomini d’affari di Nottingham. Sul punto di disputare la sua seconda finale di FA Cup da manager – incredibilmente, ventiquattro anni dopo la prima con lo Sheffield Wednesday – era stato invitato a parlare sui segreti del successo nella gestione del patrimonio umano, probabilmente; o sul segreto della sua longevità professionale, cose così, insomma.

Ma, soprattutto, quale che fosse il tema originario della conferenza, ebbe molto da dire, immagino, sul fatto che la Players’ Union [Allora in lotta per rivedere i massimali degli stipendi, NDT] avesse descritto i sui affiliati come degli “schiavi”. I sui giocatori, disse, erano vestiti meglio di lui, anzi, meglio vestiti dei membri del Comitato che gestiva il Club. Sedici di loro possedevano un’automobile. “Una settimana fa”, disse agli uomini di affari, “la maggior parte dei nostri ‘schiavi’ ha ricevuto 38 sterline in un’unica busta paga”.

Questa frase consegnò al Daily Express il titolo della pagina sportiva: “GLI SCHIAVI DEL FOREST VANNO IN MACCHINA A PRENDERE £38”. E può persino darsi che Billy Walker abbia sottostimato di una sterlina la sua indignazione. La stagione precedente la paga massima era passata a 20 sterline alla settimana, anche se non per tutto l’anno, come i giocatori si sarebbero aspettati [ma solo per la stagione agonistica], e il bonus per una vittoria era salito a 4 sterline. Due giorni dopo aver battuto il Villa, il Forest ne aveva messi cinque al Preston North End fuori casa, in una partita di campionato. Oltre alla paga normale e ai premi vittoria, bisognava sommare il premio per la conquista della finale di Coppa, 15 sterline, per un totale complessivo, dunque, di 39 sterline.

In ogni caso, fu un’interessante scelta di argomento per un manager la cui squadra stava a qualche settimana di distanza dalla partita più importante della sua storia. Gli esempi che, secondo lui, avrebbero dovuto dar conto della loro favolosa ricchezza dei giocatori la dicevano lunga: bei vestiti e automobili. Erano cose di cui sia lui sia i membri del Comitato avevano goduto per anni, e che davano per scontate. La sua paga era il doppio della loro.

Nell’Inghilterra classista di quegli anni, Billy Walker non stava accusando i giocatori di godere di una ricchezza al di là di ogni più bieco sogno di avarizia, ma, piuttosto, del fatto di godere di una ricchezza che andava al di là del loro status sociale. In un altro articolo dello stesso giornale, un membro dell’FA Council accusava i giocatori inglesi di “viaggiare nelle carrozze di prima classe dei treni, le stesse in cui viaggiavano gli ufficiali dell’Esercito”. E Mel Charles, fratello di John, era stato coperto di ingiurie per aver cercato di usare un agente per trattare il suo trasferimento dallo Swansea. Il Presidente della Football League, Joe Richards, aveva definito il tentativo di Charles “un affare vomitevole”, e aveva garantito che l’agente non sarebbe stato riconosciuto da nessun club.

Non ci fu nessuna risposta pubblica da parte dei giocatori del Forest alle esternazioni di Wright. Del resto, non avevano alcun bisogno di giustificare paghe perfettamente in linea con i massimali imposti dalla Lega. E, d’altra parte, sapevano benissimo le ragioni della sua irritazione. Dopo la semifinale, il manager aveva preso con sé i giocatori per qualche giorno, per una vacanza in un hotel di Blackpool. Aveva organizzato una riunione, e aveva proposto di fare loro da agente per tutte le opportunità commerciali che fossero occorse da lì alla loro partecipazione alla Finale. I giocatori avevano rifiutato.

“Voglio dire, Billy Walker era il tipo di persona che prima di arrivare alla stazione per le partite in trasferta passava a chiederti mezza corona per il facchino, e le prime due o tre volte era capace che ci cascavi anche. Poi cominciavi tu a tampinarlo per avere indietro le tue mezze corone”. Dal momento che era uno dei due giocatori della squadra con una medaglia conquistata tra i senior, l’opinione di Chic Thomson contava un sacco, da gli altri giocatori, ma pare che il No alla proposta di Wright fosse stato unanime.

“Beh, era un simpatico truffatore,” mi disse Johnny Quigley, l’interno destro di Glasgow, “un adorabile furfante, ma ti assicuro che se avessimo accettato non ci sarebbe rimasto in tasca molto”.

I giocatori misero su il loro pool, fecero delle foto con la maglia della squadra davanti al carro per le consegne della birreria locale, — The Two Popular Favourites — parteciparono a inaugurazioni, organizzarono un “ballo dei giocatori del Forest”. Jeff Whitefoot, l’unico a avere avuto esperienza in un grande club, il Manchester United, fu incaricato di andare in giro a cercare occasioni di guadagno. Jack Burkitt e Chic si occupavano della tesoreria, e distribuivano gli assegni.

“Mi ricordo ancora del ballo organizzato prima della finale. Jeff Whitefoot andava a vendere i biglietti porta a porta, una cosa mai vista, ma alla fin fine non è che abbiamo tirato su molto. Allo United, in quelle squadre lì, insomma, avrebbero fatto su molti più soldi; poi ci fu un’altra battaglia con Mr Walker, perché non gli demmo la sua parte.”

Se i giocatori avessero avuto bisogno di qualche giustificazione per i loro tentativi di guadagnare autonomamente qualche soldo in più, ne avrebbero trovate in abbondanza leggendo la cronaca sportiva dei quotidiani di quei giorni: nove giorni dopo la sconfitta in semifinale di Coppa contro il Forest, l’Aston Villa annunciò il licenziamento di sedici giocatori. Più di mezza squadra era di troppo, e sarebbe stata sfoltita alla fine della stagione, dal momento che, invece, di denaro di troppo non ne era entrato. La partecipazione a una finale di Coppa avrebbe potuto salvare la stagione del Villa, e anche il posto di lavoro almeno a alcuni giocatori.

Se il ballo dei giocatori può essere classificato come folklore, in quei giorni si accesero preoccupazioni molto più serie. Mio padre e i suoi compagni di squadra dovettero sottoporsi ai test per la polio, insieme ai membri di un’altra mezza dozzina di squadre che avevano giocato contro il Birmingham City nelle precedenti sei settimane. Il terzino destro del Birmingham e della nazionale inglese, Jeff Hall, si era ammalato gravemente, e giaceva in ospedale in fin di vita. Ci furono anche voci sul fatto che si sarebbero posticipate le partite di Pasqua. Mio padre aveva giocato tre volte in nove giorni contro Hall, che era giusto il suo avversario diretto, proprio in FA Cup: due pareggi e un 5-0 per il Forest nel secondo replay.

I test furono tutti negativi, ma le caratteristiche di brevità e di incertezza della carriera da calciatore divennero paurosamente evidenti. La polio era rarissima, ma le gambe rotte e i legamenti spezzati erano cose di ogni settimana. Jeff Hall morì due settimane dopo il suo ricovero in ospedale.

Fu proprio la morte di Hall, tra l’altro, a dare il colpo decisivo al dibattito sull’opportunità del vaccino antipolio generalizzato e obbligatorio in Gran Bretagna. Dopo la sua morte, e dopo l’appello in tal senso della sua vedova, Dawn, la richiesta di vaccinazione — che era già disponibile — aumentò in maniera esponenziale, fino a arrivare all’obbligatorietà pochi anni dopo.

Nessuno si ricorda più, ora, quanti soldi vennero dal pool organizzato dai giocatori. Quale che sia stata la somma, Billy Walker non ebbe la sua percentuale da “agente”. Il 16 aprile, tre settimane prima della finale, il manager convocò i suoi giocatori per un altro incontro, e subito dopo rilasciò una dichiarazione pubblica: “Tutte le attività di raccolta di fondi, da questo momento in poi, sono sospese. Dobbiamo tornare a pensare al football e a nient’altro che al football prima della finale. Il soccer non dovrà più essere un’attività collaterale. I giocatori sono troppo stanchi, a causa dei loro impegni estranei al gioco, bisogna finirla”. Era vero che il Forest aveva avuto un calo di forma, ma nessuno al club credeva che quello fosse il vero motivo per il nuovo divieto imposto dal manager.

Nei giornali, i giocatori cominciarono a essere descritti come un branco di imbroglioni d’alto bordo, ma non per la faccenda del pool, dei balli di raccolta fondi, e nemmeno per la pubblicità al birrificio locale. La ragione dello sdegno fu la vendita dei biglietti della partita.

Approfittarsi della scarsità di un bene per venderlo sottobanco a prezzo maggiorato era un’azione che per i tifosi di calcio appartenenti alla working-class aveva una connotazione orribile, dal momento che molti beni erano stati razionati ancora per molti anni dopo la fine della guerra. Meno di cinque anni prima dell’anno della finale, quando mio padre aveva firmato per il Derby, il suo ingaggio si era diviso le prime pagine dei giornali locali con la notizia della fine del razionamento del burro per la prima volta da quattordici anni. Molti tifosi del Forest avevano visto con simpatia il tentativo dei giocatori di fare qualche soldo extra dal raggiungimento di una finale che portava lustro a tutta la città, e molti di loro avevano perfino comprato il biglietti per le danze, ma i biglietti per la partita erano una faccenda molto più seria, che colpiva le emozioni profonde dei tifosi.

Wembley, come è noto, allora teneva 100.000 spettatori. Ora che la FA aveva accontentato i soliti noti, i privilegiati di turno, coloro che avevano diritto a un biglietto, il dotto e l’inclita, alle due squadre toccavano circa 15.000 biglietti a testa. Più o meno la metà di questi biglietti furono sorteggiati tra i 72.000 tifosi del Forest che ne avevano fatto richiesta, attraverso un sistema di sorteggio sorprendentemente trasparente, da parte del club. “Ieri tre anonimi incaricati, completamente bendati, hanno estratto da un barile da 75 galloni dipinto di rosso le lettere di richiesta di circa 8.000 fortunati tifosi…”, cominciava la cronaca dell’Evening Post. Questa procedura, però, lasciava cira 64.000 tifosi senza biglietto a litigarsi i restanti tagliandi, distribuiti tra istituzioni caritative, agenzie di viaggio e la solita consorteria di soggetti dal cappotto col risvolto di pelliccia. Per ciascuno di loro, la principale possibilità di avere un biglietto rimanevano le fonti interne al club, e subito cominciarono a circolare le voci su come la squadra avesse distribuito i restanti 7.000 biglietti.

Per esempio, ogni giocatore ricevette 12 biglietti, metà dei quali seduti, il resto in piedi, con l’opzione, per di più, di poterne acquistare ancora di tasca loro. Insieme ai biglietti, ciascun giocatore riceveva un foglietto di carta bollato dalla FA che avvertiva come ciascun tagliando fosse marcato da un numero di serie registrato; ma questo non aveva mai scoraggiato i giocatori dal rivendere i loro biglietti: anzi, la vendita dei biglietti per la Finale da parte dei giocatori era diventata una specie di tradizione della Coppa.

Dopo il quinto turno giocato dal Forest contro il Birmingham, due giocatori del City, Trevor Smith e Dick Neal, furono accusati di aver bagarinato personalmente i loro biglietti fuori dallo stadio prima della partita. Ma per piazzare i biglietti per la Finale i giocatori non avevano alcun bisogno di uscire di casa. I tifosi sapevano benissimo dove vivevano, perché abitavano accanto a loro, e cominciarono subito a impestare le soglie delle loro case come cantatori di carole natalizie fuori stagione.

I giocatori del Forest usavano trovarsi in un caffè vicino al Trent Bridge, dopo l’allenamento; i giocatori del Notts County si ritrovavano in un locale un po’ più dimesso, dall’altra parte di London Road. Nelle settimane prima della Finale sembra che qualche giocatore del Forest abbia attraversato la strada per fare due chiacchiere con il proprietario del locale del County, Bob Green, che teneva un’amplissima attività di compravendita di biglietti. A seconda delle ricostruzioni, il pollo della storia cambia sempre — per alcuni era Peter Wilson, il centromediano di riserva, per altri era Tommy Wilson, il centrattacco, per altri ancora era uno dei due Wilson che agiva per conto di mezza squadra — ma il nome del cattivo non cambia mai: Bob Green prese un numero non specificato di biglietti da un giocatore del Forest, che acconsentì ingenuamente a lasciarli giù e di tornare dopo a prendere i soldi.

Dennis Marshall, che mi ha raccontato l’episodio, è certo che sia stato Tommy Wilson: “Tommy andò all’appuntamento al momento prefissato, e quando arrivò non trovò Green, ma c’era solo una donna dietro al bancone, che disse ‘Oh, è uscito un attimo. ha detto che può lasciare i biglietti a me, le darà i soldi non appena tornerà’. Tommy acconsentì, lasciò giù i biglietti e uscì qualche minuto, andò tipo a dar da mangiare ai cazzo di cigni [bloody swans] del Trent. Quando tornò indietro, non solo non trovò né la donna, né il proprietario del pub, ma trovò tutto sbarrato e chiuso con le assi; non solo non li vide più, ma nemmeno la polizia riuscì mai a ritrovare la coppia”.

Bob Green divenne uno dei protagonisti della cronaca della stampa nazionale per settimane. Faceva apertamente pubblicità per la vendita di biglietti per la finale nella bacheca del caffè, e li vendeva apertamente sul bancone. Era la solita storia di bagarinaggio sordido, ma questa volta erano coinvolti giocatori del Forest. Una volta che fu coinvolta la polizia, soprattutto a causa dell’insistenza del segretario del club, Noel Watson, non ci fu modo di tenere nascosta la vicenda. Ancora il giorno della finale, il Daily Express pubblicò una caricatura dei giocatori del Forest tutti forniti della valigetta da business-man di ordinanza.

Mio padre non fu coinvolto nello scandalo del caffè, ma non è che non fece su i suoi bei soldini dai biglietti. Dopo averne dati un po’ a amici e familiari, tutti gli altri li diede a Jack Watson, un imprenditore edile locale, che aveva fatto dei lavori per la nostra casa. Tenne un biglietto per sé e vendette gli altri, dividendo il ricavato con mio padre.

|
wpid-barzaforest1959-2012-11-25-10-41.png

La vignetta satirica di cui parla Gary Imlach: Walker dice “Ho fiducia che la mia squadra di businessman ricordi abbastanza calcio da vincere”, mentre uno dei giocatori dice “Avete visto qualche proprietario di pub, di recente?”. Tutti i giocatori del Forest hanno la valigetta, come raccontato da Imlach, e sul coach della squadra ci sono annunci economici “Biglietti in vendita”, “Fotografie (costose) con la squadra”, e “Comparsate in vendita”. Stewart Imlach è l’ultimo sulla destra. Dall’altra parte, la caricatura riguarda Syd Owen, manager, capitano e giocatore della squadra.

|

Giù giù lungo la catena alimentare, anche altri personaggi nel giro della squadra fecero lo stesso. Il Comitato fornì con magnanimità a chiunque fosse in qualche modo legato al club non solo i biglietti, ma anche il viaggio, per essere sicuri che potessero affrontare la trasferta. Nella settimana dopo la finale, l’agente di viaggio del club ricevette una gran quantità di richieste di rimborso per i viaggi non goduti da parte di impiegati o di altri titolari di biglietto che “non erano potuti andare” per un motivo o per l’altro. Avevano venduto i biglietti, ma non avevano potuto vendere i voucher per il viaggio, che erano nominativi.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in 1959 fa cup victory

La terza più importante partita della loro storia.

|

Se chiedeste a un esperto mitologo del Tooting and Mitcham United Football Club — squadra che si trova attualmente al 16° posto della Isthmian Football League Division One South, il cui soprannome è “the Terrors” — quale sia la partita più importante mai disputata dalla sua squadra in tutta la sua storia, vi risponderà, con tutta probabilità, di essere indeciso: o la vittoria interna nel replay del 3rd proper round della FA Cup del 1976 contro lo Swindon Town (una squadra che aveva vinto da poco una Coppa di Lega a Wembley battendo l’Arsenal, anche se aveva già mosso ben più di qualche passo verso un’irredimibile declino), dopo un pareggio ottenuto rimontando due reti di svantaggio a Swindon; oppure, il 4th proper round dello stesso anno contro il Bradford City, perso per 3-1: l’unico 4th proper round disputato dai Terrors bianconeri nella loro storia.

Solo al terzo posto nell’ideale classifica delle più grandi partite giocate nella sua storia dal Tooting & Mitcham, probabilmente, il succitato astratto mitologo metterebbe il 3rd proper round della FA Cup del 1959: una partita giocata in casa, su un terreno — lo stadio si chiama, molto indicativamente, Sandy Lane — reso terribile dal gelo di un inverno rigidissimo, nella quale i Terrors si trovarono sopra per 2-0 contro una squadra di Prima Divisione, prima di essere raggiunti sul pari da un generosissimo rigore concesso agli ospiti allo scadere.

Se la finale di FA Cup, la più antica competizione di football association del mondo, è la cerimonia annuale di celebrazione ufficiale del gioco del calcio, giocata in una vera e propria cattedrale, alla presenza di qualche membro della Famiglia reale, quando non della stessa Regina, il terzo turno della stessa è la più grande sagra popolare che festeggi il nostro sport preferito. Il terzo turno è quello nel quale entrano le 44 squadre più forti del Paese, e è quello dove arrivano a trovare posto venti superstiti dei turni preliminari, tra i quali, spesso, anche club da fuori la Football League: in questa occasione (si gioca, tradizionalmente, in un sabato nella prima metà del mese di gennaio), l’Inghilterra calcistica si ferma per l’evento, e e per moltissime piccole squadre di paese il fatto di avere raggiunto una volta il Terzo turno di FA Cup rimane scolpito nell’albo d’oro come il fatto più notevole della sua storia. Trentadue stadi ospitano l’evento, dall’Old Trafford allo Scholar Ground, posto nella Church Street, lo stadio della più piccola squadra mai giunta a questo stadio della competizione: il Chasetown, squadra di ottava serie, che riuscì nell’impresa nel 2005: un esempio unico al mondo di democrazia calcistica (anche se la Coppa di Francia, che ha deciso di ricalcare la formula della sorella inglese, conosce un evento simile, il fascino assolutamente diverso delle due competizioni fa la differenza).

Per una squadra di dilettanti o di semidilettanti, il raggiungimento del terzo turno di FA Cup, dunque, è una possibilità che passa, quando passa, una volta sola nella vita: durante il sorteggio, rigorosamente senza teste di serie, i minnows sono messi nella stessa urna con il Liverpool, l’Arsenal, il Manchester United; una mano fortunata potrebbe portare il postino o il macellaio del paese a giocare a Old Trafford, a Anfield o a Highbury. Per il Tooting, in quella occasione, il sorteggio non fu così prestigioso, ma non fu poi male: pescarono, comunque sia, una squadra di Prima Divisione, anche se non una di quelle squadre londinesi per i quali i ragazzi dei Terrors, cittadina posta nella cintura della Capitale, facevano certamente il tifo. Non fu affatto male: basti pensare che nella partita di ritorno (o meglio, nel replay resosi necessario dopo il pareggio) i simpatici negozianti e i simpatici operai di Tooting e di Mitcham si trovarono a giocare di fronte a 42.362 persone: questo sì, di gran lunga, è il record assoluto di affluenza a una partita dei Terrors.

Per la prima volta nella sua storia, al Sandy Lane arrivò la BBC, con due telecamere, e per la prima volta il Tooting finì in un servizio trasmesso a livello nazionale, quello dedicato al terzo turno di Coppa.

In questo post, il primo di quattro dedicati alla FA Cup del 1959, tratti dal meraviglioso e già citato libro di Gary Imlach My Father and Other Working-Class Football Heroes, si parlerà proprio di quella partita, la terza più importante della storia del Tooting & Mitcham, e, più in generale, del fascino del giant-killing, effettivi o solo potenziali, che sono un po’ il sale della Coppa più bella del mondo.

Giant killing

Gennaio 2004, sto seguendo alla tele il terzo turno di FA Cup, e sto pensando al terzo turno della FA Cup del 1959.

Guardo i risultati scorrere in sovrimpressione, e penso a quanto lontano dal gioco io sia via via scivolato. Non saprei dire in che serie gioca almeno la metà delle squadre il cui nome vedo passare, e di almeno la metà delle partite non saprei distinguere gli underdog dai favoriti. Ipswich 2 Derby 0, è una sorpresa o è una tranquilla vittoria interna, assolutamente prevedibile? Giocano nella stessa divisione? E Man City e Leicester? sulla parte inferiore dello schermo comincia a scorrere “Gillingham 3 Charlton 1”. Questa volta sono quasi certo che sia una sorpresa, ma non saprei dire quanto grande: in che divisione gioca il Gillingham?

Una volta le sapevo tutte, queste cose. Per un paio d’anni, l’avevo addirittura giocata tutta da solo, la Coppa. Dal terzo turno alla finale, l’intero dramma veniva messo in scena sul tappeto della mia cameretta in una maratona ininterrotta, utilizzando delle biglie e una scatola da scarpe rovesciata, nella quale avevo ritagliato cinque o sei buchi rettangolari, come piccole tane di topi, ognuna delle quali contrassegnata da differente punteggio, scritto sopra ogni tana con un pennarello. La scatola da scarpe contro un battiscopa, io appoggiato con la schiena contro il muro opposto, la più importante Coppa nazionale del mondo poteva cominciare.

Ero scrupolosamente imparziale. Semplicemente, rigiocavo le partite chiave finché non ottenevo il risultato “corretto”, quando mi sembrava, per esempio, di aver lasciato andare la biglia prima del giusto, o di aver tirato inavvertitamente più forte per una squadra piuttosto che per l’altra. Insomma, tutte le volte che mi sembrava in qualche modo di avere sfavorito la squadra per cui tenevo (inevitabilmente), rigiocavo la partita. Non ammettevo mai con me stesso di essere parziale: avevo installato come un firewall mentale nei confronti di questa possibilità, nell’interesse superiore del mantenimento dell’assoluta onestà intellettuale. Semplicemente, pensavo, volevo che le mie squadre avessero esattamente la stessa possibilità delle altre. Dal momento che non avevo le palline numerate che si usano per il sorteggio, usavo foglietti su cui avevo scritto i nomi delle squadre, piegati in quattro e messi dentro un sacchetto di stoffa. Non truccavo mai i sorteggi, confidando nella capacità metafisica delle biglie di produrre, comunque sia, i risultati giusti.

Tradizionalmente, il sorteggio veniva effettuato pescando le palline numerate da un sacco di velluto rosso: ora, le norme FIFA vietano che in una competizione omologata il sorteggio avvenga utilizzando urne non trasparenti, per cui anche la FA Cup utilizza un contenitore di plexiglass. Il sacchetto di velluto è ancora in uso, ma solo per portare sul palco le palline numerate, e per versarle nell’urna trasparente.

Di certo allora non avevo bisogno di guardare il giornale per sapere in quale serie giocasse ciascuna delle squadre che sorteggiavo, o perfino per sapere la lista delle squadre qualificate al terzo turno. Conoscevo benissimo tutte e novantadue le squadre della Football League, divisione per divisione. Non è che le avessi mai studiate in qualche modo, quelle cose: semplicemente, le sapevo, allo stesso modo in cui immagino che le conoscesse ciascun ragazzino di sette anni.

Oggi, naturalmente, non c’è tutto questo bisogno di conoscenze innate: la televisione del sabato pomeriggio è un ottimo servizio sociale per chiunque non abbia anche gravi deficit nozionistici sul contesto: una mezza dozzina di badanti ti fanno visita a casa, con tanto di abiti eleganti e cuffie in testa. Il pomeriggio passa attraversato da un giocoso, ininterrotto e gigantesco flusso di informazioni su gol, quasi gol, soffiate, ammonizioni, cattive decisioni e diaboliche libertà, Jeff [Gary Imlach, come mi suggerisce l’ottimo Pier Luigi Giganti, si riferisce a Jeff Sterling, anchorman per Sky Sport Gillette Soccer Saturday]! Ogni incidente non viene solo riportato in cronaca, viene sezionato, viene ripassato clinicamente, ben prima del fischio finale, e anche ben dopo. È uno spettacolo che crea dipendenza, indipendentemente dal vostro interesse per il gioco.

Le possibili conseguenze del fatto che i Wolves siano sotto di un gol a Kidderminster all’intervallo sono discusse con piglio serio e allarmato. Ora, voglio dire, lasciamo perdere il fatto che nessun risultato maturato all’intervallo può produrre conseguenze di nessun genere, perché nessun board si riunisce per prendere decisioni nell’intervallo delle partite, né nessun board decide di mandar via un manager per il suo insoddisfacente record a metà partita, io ebbi in quell’occasione la precisa impressione che tutto il casino che fecero in studio per quel risultato dipendesse esclusivamente dalla loro voglia disperata di avere una buona storia da raccontare. Forse, invece, è solo la necessità moderna e editoriale di metter su immediatamente una storia del tipo “che disastro per i Wolves!” ogni volta che ci sia la minima possibilità di una sorpresa, per estrarre ogni oncia di valore da ogni minima situazione, indipendentemente da come poi vada a finire effettivamente. Come che sia, tutte le nefaste conseguenze di una sconfitta erano ormai state abbondantemente sciorinate e analizzate, quando il Wolverhampton segnò il gol del pareggio in injury time.

Che zuppa ci farebbero, al giorno d’oggi, con il terzo turno del Nottingham Forest contro il Tooting & Mitcham United, l’unico club di dilettanti rimasto nella competizione del 1958-59? C’erano tutti gli ingredienti classici: il campetto di periferia, il terreno gelato, i salumieri, i panettieri e gli operai della fabbrica di candele schierati a affrontare l’aristocrazia della Prima Divisione.

Visti più da vicino, però, i contrasti cominciano a sfumare. Ciascuno dei giocatori del Tooting con un lavoro decente aveva uno standard di vita non molto differente rispetto a quello di cui godevano i loro avversari professionisti. Anzi, se il club passava loro un piccolo compenso, fatto passare come rimborso spese, i ragazzi del Tooting avrebbero potuto guadagnare più o meno la stessa cifra, se non di più, rispetto ai giocatori del Forest. Davvero, le foto pubblicate nei servizi giornalistici di presentazione della partita, o i filmati televisivi pre-match che oggi mostrano gli eroi locali dietro il bancone del negozio o piazzati in catena di montaggio non avrebbero fatto alcuna impressione nello spogliatoio dei Reds, e non l’avrebbero fatto nemmeno ai compagni di lavoro di lavoro di mio padre, nella Co-op dove lui lavorava fuori dalla stagione calcistica.

In realtà, si trattava di una partita tra due squadre composte da lavoratori: la differenza di classe tra di loro era solo di natura calcistica, e questa differenza era compensata dalle condizioni ambientali. Se mi fossi limitato a ascoltare i ricordi dei giocatori di quella giornata di gennaio, ai racconti che descrivevano il terreno di gioco come una specie di campo appena arato completamente gelato, avrei anche potuto pensare che il tempo trascorso e il rischio della figuraccia scampata per un capello avesse insinuato in queste ricostruzioni le spire sottili dell’esagerazione. Ma ho visto i filmati di Pathé News sulla partita, che mostrano una superficie impossibilmente ondulata, che vista dall’alto sembra una gigantesca impronta digitale tracciata nella neve e nel ghiaccio. Billy Walker [il manager del Forest di quegli anni] aveva già detto ai giocatori che non si sarebbe giocato, e questi stavano già mangiando il pranzo alla stazione aspettando il treno che li avrebbe riportati a casa, quando furono raggiunti dalla notizia che la partita si sarebbe disputata, comunque sia.

Oggi, tutto questo sarebbe diventato semente ideale per la messa in scena di un gigantesco capitolo televisivo del Romanzo della FA Cup: due o tre inquadrature dell’ispezione del campo… Carrellata sul cielo che minaccia ulteriori nevicate… Le immagini delle confabulazioni con l’arbitro… Se si è fortunati, qualche veloce dichiarazione dei manager, se no un’altra inquadratura del campo e poi di nuovo in studio per il dibattito tra i pundit dal titolo Si Dovrebbe Giocare O No? Mandateci Un Sms

Allora, invece, i tifosi del Forest che non avevano fatto il viaggio verso sud che cosa avrebbero potuto sapere di tutto questo? Poco, ma, in effetti, più di quanto io mi sarei aspettato: a quanto sembra, grazie a Dennis Marshall, il commentatore del Forest per la BBC, che riuscì a dare la copertura della maggior parte del match facendola trasmettere dal sistema di altoparlanti del City Ground, durante la partita delle riserve che si disputava in quello stesso pomeriggio. “Uno dei membri del Committee mi aveva chiesto ‘passeremo dei guai per questo, Dennis, non è vero?’, e io gli risposi ‘oh no, ho parlato con la FA e ho parlato con la BBC, sono d’accordo tutte e due’. A dire il vero, in effetti avevo chiesto il permesso a entrambi, ma mi avevano detto tutte due di no. Ma avevo pensato, che vadano al diavolo. C’erano un sacco di partite, quel giorno, alla radio, non c’era solo il Forest, così negli intervalli tra i miei interventi ufficiali stavo in contatto telefonico con gli addetti ai nostri altoparlanti, che ritrasmettevano agli spettatori il risultato e le informazioni più importanti. All’intervallo, gli altoparlanti diedero il seguente annuncio: ‘non vorremmo dirvelo, ma le cose vanno molto male, stiamo per essere eliminati'”.

Il Forest era sotto e due a zero. Un rinvio di Chic Thomson aveva preso in pieno un attaccante del Tooting, che aveva poi accompagnato la palla dentro la rete, poi un calcio di puro alleggerimento da quarantacinque iarde aveva colpito la parte inferiore della traversa e era finito dentro. Il Forest si avviava già a uscire dalla FA Cup, e a entrare come storia del giorno nelle ultime pagine dei giornali della domenica. A casa, mia madre stava nella dispensa, nascosta dalla radio.

“Mamma, perché non la spegni?”; quella domanda la ripetei anni più tardi, nel corso di un incidente simile, questa volta con la televisione. Incapace di reggere la tensione di una conclusione ai rigori di una partita di Coppa del Mondo dell’Inghilterra, mia madre era uscita in giardino, dove se ne stava in piedi senza fare nulla. Questo sarebbe stato comprensibile se fosse stato ancora vivo mio padre, quando lei non aveva il possesso del telecomando, ma allora in casa c’erano solo lei e il gatto. Lei disse che preferiva capire quello che stava succedendo dai rumori della folla che arrivavano ancora dalla televisione, attraverso i muri. In realtà, penso che volesse stare il più possibile lontano dalla fonte di sofferenza, senza però eliminarla completamente. Beh, nel 1959, in quanto moglie di un giocatore, non ne sarebbe potuta stare lontano per molto, comunque sia.

In realtà, in una relazione che coinvolge un essere umano che fa sport, sono i compagni o le compagne che non giocano a soffrire di più. Siedono sugli spalti, impotenti e incapaci di aiutare in qualsiasi modo, separati dal resto del pubblico dalla marca particolare della loro ansia. Mia madre fu sempre una spettatrice nervosa, incapace di divertirsi veramente alle partite di mio padre, sia quando era giocatore, sia quando era coach. “Mi emoziono troppo”, diceva.

Lui giocava, lei si preoccupava. Qualche tempo dopo, tutti noi avremmo giocato, e lei si sarebbe sempre preoccupata. Soverchiata da quattro maschi giocatori di calcio nella sua stessa casa, mia madre era un po’ il ricettacolo domestico della preoccupazione. Non era solo la paura che mio padre si facesse male, o che uscisse di squadra, o che fosse esonerato, anche se erano anche queste paure sempre presenti. Era piuttosto il peso di tutte le altre cose che avrebbe dovuto fare e cui avrebbe dovuto badare mentre era costretta a concentrarsi sul football che la schiacciava.

“Non mi preoccuperei così tanto di cose sulle quali non possiamo farci niente”, avrebbe detto mio padre alle ultime notizie portate da mia madre sulla nostra situazione finanziaria, o su qualche preoccupazione riguardante noi bambini, e sarebbe piombato in un sonno profondo e immediato. Per di più, mio padre prese letteralmente a calci mia madre per ogni notte della loro vita matrimoniale. Succedeva qualcosa mentre lui era incosciente, e questo qualcosa si manifestava nella forma di un’onirica partita di calcio. Un replay interiore della partita del sabato precedente, o un’anticipazione di quella del sabato successivo. Forse era il suo modo di avere a che fare con le questioni sulle quali non poteva far niente. Forse sognava dei sogni dei cani, con un pallone al posto dei conigli.

Non so quanto tempo mia madre avesse passato nella dispensa, ma alla fine il Forest riuscì a rimontare nel secondo tempo, e a strappare un pareggio. Uno dei solchi ghiacciati del loro campo li tradì, deviando un passaggio indietro dalle braccia del portiere e destinandolo in fondo alla rete; poi l’arbitro concesse un rigore per un fallo che solo lui aveva visto. 2-2.

Il replay al City Ground cominciò — pessimisticamente — prestissimo, in modo da consentire la disputa degli eventuali supplementari con la luce naturale, ma su un prato sul quale si sarebbe potuto giocare a biliardo il Forest vinse facilmente per 3-0, e mio padre realizzò il terzo gol.

È diventato un luogo comune, il precoce ostacolo di ogni avventura di successo nella FA Cup: la paura per un eliminazione anticipata, la partita che si sarebbe dovuta perdere e che diventa, con il senno di poi, il punto di svolta dell’intera campagna. Anche se ora, forse, non c’è più spazio per il senno di poi. Nel 1959 le sorprese, in FA Cup, avvenivano, o non avvenivano. Ora ci sono troppi soldi in ballo per non spremere tutto il valore possibile da qualsiasi più piccolo evento. Le storie di giant-killing sono raccontate in anticipo, per proteggeresti dall’eventualità che sul campo le cose vadano poi diversamente. In questo modo, possiamo goderci tutta la bellezza del “romanzo della FA Cup”, prima che la realtà venga a reclamarne le spoglie. Naturalmente, una volta che tutta la macchina narrativa di stampa, radio e televisione è stata messa in moto per costruire la vicenda, ogni conclusione diversa da quella pre-costruita dai media costituisce una delusione.

Per esempio, la sorpresa più grande, in prospettiva, del terzo turno della Coppa del 2004 sembrava poter essere l’eliminazione del Liverpool da parte dello Yeovil Town, la squadra che detiene il record assoluto di “leagued team scalps”. Vennero evocate tradizioni gloriose e il precedente del 1949; nello studio cominciò il solito business dell’analisi delle possibili conseguenze di un tale miracolo. Mezz’ora prima della partita il Liverpool aveva già perso, Gerard Houiller era già stato esonerato e già si teneva un fervente dibattito su da dove il club avrebbe dovuto ripartire, e su chi l’avrebbe preso in mano. All’intervallo il Liverpool conduce per uno a zero, piuttosto comodamente, ma il giornalista piazzato nel tunnel ha l’ordine di non mollare il fantasma dei giant-killing del passato. Riesce a catturare il manager dello Yeovil per una piccola seduta spiritica, proprio prima del secondo tempo: “C’è un po’ di nebbia, proprio come nel 1949…”, suggerisce allo stupefatto allenatore.

La quasi eliminazione del Forest al terzo turno avvenne, e se ne parlò nei report, tutto qui. Ora i meccanismi dell’attenzione mediatica non permettono alle partite semplicemente di svolgersi: quelle più importanti devono essere avvolte in schemi narrativi già preparati. Le storie sono già lì, in attesa che i fatti vi si conformino. “Ooooh, se la palla fosse entrata sarebbe stato il gol più veloce della storia della Coppa del Mondo!”, “Se Roy Keane avesse segnato proprio nella sua sesta partecipazione alla finale riebbe stata davvero una bella storia, ma anche quella di Andy Marshall non è male, a dire il vero.”

Naturalmente, il gioco non è mai stato avaro di storie da raccontare: ne è stracolmo, e spesso sono proprio quelle a costituire la sua maggiore attrattiva. Nessuno di noi, in effetti, guarda una partita di calcio solo per ammirarne i puri gesti tecnici. Ma ora sono le storie a condurre per mano il gioco, è la costruzione degli eventi a imporci di pensare a essi in un certo modo. La metà dei vecchi professionisti con i quali ho parlato mi ha detto di divertirsi sempre molto a guardare il calcio, ma che lo guarda con l’audio abbassato.

Il Forest andò avanti, batté il Grimsby, il Birmingham, i detentori del Bolton Wanderers e l’Aston Villa, e il clamore del rischio corso nel terzo turno sul campo del Tooting & Mitcham rimpicciolì quietamente negli specchietti retrovisori, turno dopo turno.

FA CUP 3RD ROUND – TOOTING & MITCHAM V NOTTS FOREST

È un libro, tutto sommato — come si può vedere da questi brevi stralci — melanconico, triste, tale da spingere alla nostalgia anche chi quegli anni lì non li ha mai vissuti. Gary Imlach, tifoso dell’Everton (la squadra della quale suo padre era coach quando Gary era abbastanza grande per diventare un tifoso vero, ha ammesso più volte di non essere più tanto appassionato al calcio.

Imlach segue il ciclismo da giornalista, in rete si possono vedere diverse foto sue con Cavendish, e, in una intervista rilasciata qualche anno fa alla BBC, in occasione dell’uscita del libro, ebbe modo di dichiarare la sua poetica, quella che permea, come si è potuto leggere bene anche in queste poche pagine: “forse è stato crescere, forse è stato il vivere all’estero per un po’, forse è stato il cominciare a nutrire altri interessi che portano via un sacco di tempo, sono tutte cose che hanno contribuito alla diminuzione del mio interesse. Però — e qui è necessaria una generalizzazione — è molto più difficile ora per un tifoso immedesimarsi nei giocatori di quanto non lo fosse un tempo, quando i giocatori erano parte integrata della comunità che rappresentavano, e vivevano nella casa accanto a quella di coloro che li venivano a vedere: spesso, anche in Prima divisione, facevano la strada insieme, al ritorno dalla partita. Date tutte queste cose, penso che il mio distacco sia stato inevitabile”.

|

5 commenti

Archiviato in 1959 fa cup victory

Il senso di Brian per gli sbarbi.

||

Lo so, abbiamo battuto il Cardiff City, e martedì giocheremo contro il Blackpool, quindi l’attualità dovrebbe prevalere sulla nostalgia. Ma è un po’ che non pubblico un articolo sui vecchi tempi, e le domeniche di ottobre sono molto adatte al ricordo. Domani commenterò la bella prova contro i Bluebirds, ma prima beccatevi questo.

Io lo devo dire: del periodo di Clough al Forest amo soprattutto le storie del periodo di mezzo. Perché sono quelle che conosco meno: erano i tempi in cui il calcio inglese era quasi completamente oscurato dalla già scarna informazione sportiva italiana, per via del rancore post-Heysel e del bando che privava delle squadre inglesi l’unico palcoscenico allora minimamente fruibile per televisione, le coppe europee.

E anche perché dalla metà degli anni ’80 alla fine del decennio è stato il periodo in cui, forse, ho seguito meno il calcio in vita mia. Erano anni di altre scoperte, di altre esplorazioni, della sopravvenente maturità: guardavo qualche partita alla tele, ma senza tanta passione. Anche la mia passione per il Forest — così come quella per l’Inter — si era molto indebolita. Se capitava, guardavo i risultati, ma nulla di più.

Per questo motivo, quasi tutte le storie che parlano di quel periodo sono nuove anche per me. È un po’ come guardare delle puntate che non si sono mai viste di una serie televisiva o di un cartone che ci piaceva quando eravamo piccoli: si riconoscono alcuni personaggi, si vede che qualche altro personaggio a cui ci si era affezionati non c’è più, e si rimpiange anche, un po’, l’ingenuità di quegli anni, di quelle narrazioni, e della meraviglia che provavano quei noi stessi di allora di fronte a quei racconti.

Da questo punto di vista, una fonte inesauribile di meravigliati rimpianti è il bellissimo All life’s a game, di Trevor Frecknall, il libro di un altro giornalista sportivo del Nottingham Evening Post. È forse meno bello di quel vero e proprio capolavoro che è Provided you don’t kiss me, di Duncan Hamilton, suo collega, ma è più ricco di fatti, e, soprattutto, riesce a raccontare il Nottingham Forest e Brian Clough inserendo le vicende del manager e della società nel contesto sociale e economico del Nottinghamshire di quegli anni, gli anni della de-industrializzazione e della crisi che cominciava a colpire le due più importanti industrie della città delle Midlands, la Raleigh e la John Player Special. Voglio dire, ora chi se ne frega del contesto sociale e economico, arriva uno zozzone pieno di soldi da qualche buco di culo del mondo in qualche altro buco di culo del mondo (calcisticamente o anche non calcisticamente parlando) ancora peggiore e ci impianta su una squadra della madonna in quattro e quattr’otto: ma allora, prima degli agenti e dei PR, una squadra era diretta emanazione della sua comunità di appartenenza, e ne accompagnava spesso, a volte precedendole, a volte essendone preceduta, le fortune sociali e commerciali.

Frecknall era meno intimo di Clough di quanto non lo fosse Hamilton, anche se ci parlava spesso, pare anche con una certa confidenza; proprio per questo il suo libro si sofferma più di quanto non faccia quello del suo collega su personaggi secondari, anche marginali, della storia del club.

Quella che volevo raccontarvi oggi viene proprio da quel periodo “oscuro”, la fine degli anni ’80. È una delle stagioni più tristi della storia del Forest, se non la più triste in assoluto, e è la storia di tre di questi “personaggi secondari”: si tratta di tre ragazzi delle giovanili e delle loro alterne fortune. È un racconto che mostra quale fosse il rapporto di Brian Clough con i ragazzi del Forest: il Gaffer era un misto tra un insegnante, un sergente maggiore e un padre, e aveva con i ragazzini che bazzicavano la squadra un rapporto molto più stretto e profondo di quanto — immagino — non abbiano adesso con loro i manager dei grandi club della EPL (perché sì, allora il Forest era un grande club della Prima Divisione inglese). Ecco, posso immaginare, forse, che Ferguson tratti — a volte — con i ragazzi dell’accademia nel modo in cui lo faceva Clough, ma le dimensioni del Man U di adesso e quelle del Forest di allora non sono paragonabili, e non penso che sir Alex abbia tutto il tempo che aveva sir Brian per guardare ai vivai; e, comunque sia, si tratta sempre di un manager della vecchia scuola, che incontrò Clough sul campo, che lo conosceva e che lo rispettava.

Il titolo del capitolo è Is the non-shaver strong enough?, ovvero, Lo sbarbatello è abbastanza forte?

È la domanda che si è fatto, prima o poi, qualsiasi allenatore di prima squadra assistendo alle imprese di qualche sgallettato delle giovanili di fronte ai pari grado, e immaginandoselo affrontare qualche terzino pelato ultratrentenne assetato di sangue che sa che il rinnovo del suo magro contratto e gli ultimi spiccioli che riuscirà a spremere dalla sua faticosa carriera passano anche da quanto poco riuscirà a far giocare l’esuberante esordiente. Il brutto e il meraviglioso, del calcio così come della sua meno articolata metafora, la vita, è che nessuno può dirlo, prima. La differenza tra Brian Clough, anche di un Brian Clough in quella che alcuni identificano già come la sua fase calante, e un allenatore normale è che, di solito, Brian Clough riusciva a indovinarlo prima, e che quando pensava di sì, non aveva paura di mettere alla prova le sue convinzioni.

Ladies and Gentlemen, from Nottingham, East Midlands, Trevor Frecknall!

Per trascinarmi fuori dall’ufficio durante gli inverni nei quali era Hamilton [Duncan Hamilton, l’autore di Provided… del quale abbiamo parlato sopra, che era subentrato a Frecknall nel seguire le partite del NFFC] a seguire fedelmente le sorti del Forest, andavo spesso a seguire le partite di qualche A-team dei dintorni al sabato mattina, per scriverne uno scarno report da pubblicare il giorno dopo. Gli A-team, in sostanza, erano le squadre giovanili, la parata delle speranze dei club della lega; gli apprendisti diciottenni che durante una partita lottavano per trasformare i loro sogni adolescenziali in adulte realtà con molta più forza e passione di quante non ne avessi messe io in una vita passata sul bordo del campo.

I ragazzi del Mansfield Town, per esempio, giocavano su un campetto esposto e battuto dal vento di una scuola del villaggio di Edwinstowe il cui groundsman, venni poi a sapere, era Johnny Franks, che era stato l’opening bowler sinistro per la squadra di cricket delle scuole del Nottinghamshire Under 15 nella quale avevo giocato anch’io nel 1960. Lui andò avanti con il cricket, tanto da ottenere un provino al Trent Bridge per un posto della squadra della Contea per il Championship, ma, incredibilmente, fu scartato dal comitato quando i commissari si resero conto che era balbuziente. Immaginatevi, dunque, la sua gioia quando poi, molti anni dopo, nel 1996, suo figlio Paul si guadagnò un posto nella stessa squadra della Contea.

Il Notts County, invece, non aveva un luogo fisso per le sue partite nella Midland Intermediate League. A proposito, mi ricordo che una volta il grande manager del County, Jimmy Sirrell, mi raccontò che la parte più difficile del suo lavoro era proprio mettersi seduto accanto a un ragazzino alla fine di una stagione agonistica, guardarlo negli occhi e dirgli “ragazzo, mi dispiace molto…”. Il manager-che-non-parlava-mai mi spiegò: “È come dire a un ragazzo che ha una malattia mortale, perché se un ragazzo è arrivato fin lì è perché il suo unico sogno è quello di giocare al calcio e di essere un calciatore. E tu stai per uccidere quello che ha di più caro: la sua ambizione”.

E, anche se Brian Clough non mi disse mai nulla di simile, condivideva questo sentimento. Steve Stone è la prova tangibile di ciò.
|

Steve Stone Nottingham Forest
Difficile riconoscere in questo signore precocemente invecchiato Steve Stone, il ragazzino di cui si parla nell’articolo.

|
Nonostante i suoi difficilmente dissimulabili doposbornia, e nonostante il mantra che ripeteva continuamente, “voglio controllare tutto al club, da chi lava le magliette in su”, se il Forest giocava in casa il sabato pomeriggio, Clough, alla mattina, non si perdeva una partita dell’A-team. Compariva invariabilmente a un certo punto a bordo campo con il suo golden labrador, Del Boy, alle calcagna, per veder giocare i teen-ager. In quelle occasioni, anche il genitore più orgoglioso del frutto dei propri lombi distoglieva l’attenzione dal campo di gioco per guardare il Gaffer pattugliare il bordocampo guardando tranquillamente quello che succedeva sul terreno di gioco.

Per quanto riguarda Stone, gli vide solo calciare qualche pallone, nelle giovanili, prima dell’incidente. Stone era nato in Scozia nel 1971, in un paesino chiamato Knockentiber, ma era cresciuto nel Nordest dell’Inghilterra. Si era rotto malamente una gamba prima di riuscire a entrare stabilmente nella routine dell’A-team e dell’Accademia: allenamento alla mattina, pranzo al Jubilee Club (il bar convenzionato con la squadra, quello dei supporter), in modo da poter dare un occhio alla dieta, rifinitura con la prima squadra al pomeriggio, e vita nelle terrace-house di proprietà della squadra che sul dietro davano sulla parte di Bridgford End che finisce al City Ground.

Fu mandato a casa per recuperare dall’infortunio, ma scoprì con orrore, durante una visita, che l’osso si era saldato male, e che, quindi, la parte inferiore della gamba, una volta guarita, avrebbe formato una specie di arco che gli avrebbe reso impossibile giocare a calcio. Questo volle significare un’altra operazione per ri-rompere l’osso, e, per il ragazzo, un duplice dubbio: (a) se l’osso questa volta si sarebbe saldato giusto, e (b) se avrebbe recuperato la straordinaria mobilità e velocità che avevano contribuito a garantirgli l’agognato posto nell’Accademia del Forest. La seconda convalescenza la passò a Nottingham, questa volta, di modo che i medici potessero seguirne meglio il recupero.

A poco a poco cominciai a conoscerlo, a metà di quell’inverno, nella stagione 1988-89, mentre faceva esercizi di recupero con un’ala destra di quel tempo, Gary Crosby, anche lui in convalescenza. Li conobbi mentre facevano un’esercizio piuttosto strano, per rinforzare i muscoli delle gambe indeboliti da un grave infortunio. Crosby, che era stato tirato su per 15.000 sterline dall’oscurità della Beazer Homes League [la Southern League, come si chiamò per qualche anno: il settimo e l’ottavo livello del calcio inglese, appena sotto le due Conference], per la precisione dal Gratham, quando si era ormai rassegnato a fare del calcio il suo secondo lavoro, dopo quello di carpentiere, e che aveva sofferto un grave infortunio al ginocchio in una partita di campionato contro il Coventry City, a metà del novembre del 1988; una campana a morto per le sue ambizioni calcistiche, almeno a guardare quello che Clough aveva patito nella sua carriera.

[Allenatore del Gratham, allora, era Martin O’Neill: non è escluso, anche se le fonti non lo riportano, che fosse stato proprio Martin a segnalare a Clough il giocatore.]

Era appena passato Natale, e a turno spingevano la berlinetta di Crosby su per una leggera salita, in una viuzza a fondo chiuso accanto al Jubilee Club. Uno spingeva, l’altro sedeva al volante e guidava. Poi si scambiavano di posto. Ogni tanto, il fisioterapista del Forest, Lyas, veniva fuori e controllava quello che stavano facendo. L’unica cosa che Lyas non riuscì mai a sentire da parte dei due ragazzi è un lamento. Circondati da tre lati da alti muri in mattoni, l’unica cosa che i due riuscivano a vedere ogni giorno attraverso occhi socchiusi dal sudore era la possibilità di poter giocare di nuovo.

Io parlavo loro abbastanza spesso, le poche volte che si prendevano qualche minuto di riposo, non solo perché ero pieno di ammirazione per la loro determinazione, ma anche perché mi era venuta voglia di scrivere un articolo su di loro. Purtroppo, mi avevano detto chiaramente che non avrebbero più parlato con me se avessi osato far e una cosa del genere. Insomma, non credo proprio che sarebbe piaciuto loro che io pubblicassi una foto di loro che spingevano un’auto…

La spiegazione che mi davano? “Il Gaffer non vuole leggere articoli sui giocatori infortunati”.

Una volta o due, mentre chiacchieravo con Clough, misi alla prova questa loro affermazione. Invariabilmente, ogni volta che finivamo un’intervista, il Gaffer mi chiedeva: “Qualcos’altro da chiedere, prima che torni al lavoro?”. Così, gli chiesi se pensava che Crosby avrebbe potuto tornare a giocare, e gli parlai anche di “quell’altro ragazzo così determinato che sta lavorando con lui per il recupero”.

Gli occhi di Clough si rabbuiarono; cercava sempre di dare una risposta alle mie domande, in quel caso, però, mi disse: “non appena lo saprò con certezza, te lo farò sapere”.

E, in effetti, verso la fine della stagione 1988-89, terminando una chiacchierata mi disse la formazione che avrebbe schierato il sabato seguente: “Oh, a proposito, hai una piccola storia da pubblicare per sabato: ho deciso di proporre al giovane Stone un contratto da professionista. Non ho idea se davvero lo valga o no, ma da quello che mi hai detto tu, e da quello che ho visto, merita una possibilità. E i miei allenatori, la cui opinione del resto vale molto più della tua, mi hanno detto la stessa cosa. Non ha avuto una sola possibilità di far vedere il suo valore da apprentice, qui, così vedremo come si comporta in prima squadra nei prossimi 12 mesi.

“Bellissimo, Brian!”, dissi.

“No.” disse quasi con irritazione. “Sarà bellissimo solo se ce la farà. Se non ce la farà, avrò buttato via un altro anno della sua vita , e io avrò segnato sulla lavagna della mia, di vite, un’altra decisione sbagliata”.

“Beh, il tempo impiegato inseguendo un sogno non è mai buttato via, no?”, risposi.

“Piantala. Le frasette a effetto sono il mio lavoro. Però, ammetto che questa non è male. Smetti di ridere e scrivila. Ora togliti dalle palle [now fuck off] e lasciami lavorare”.

“Niente altro?”

“Stai diventando avido. FUORI DALLE PALLE!”

Stavo uscendo dal corridoio che portava al suo ufficio il posto in cui parlavamo e in cui mi rilasciava le sue interviste — per tornare nel foyer pubblico, quando lo sentii urlare “Ehi, aspetta un attimo!”.

Mi girai, e, con mia sorpresa, mi fece entrare nel suo ufficio, il sancta sanctorum, come lo chiamavano tutti con reverenza. Mi fece sedere, mi allungò un ginger scotch, si versò una vodka (un compito che, di solito, chiedeva a Carol — la sua segretaria — di adempiere) e si sedette alla scrivania, sempre indossando il berretto piatto che era diventato uno dei suoi marchi di fabbrica.

“Sto anche per offrire un contratto di un anno al giovane Scot Gemmill“, mi disse a bassa voce.
|

Scot Gemmill con la Zenith Data System Cup
Scot Gemmill (a sinistra) e Kingsley Black con la Zenith Data System Cup (o Full Members Cup) conquistata dal Forest nel 1992 grazie alle loro reti, ben tre anni dopo gli eventi narrati nell’articolo. Non stupisce che tre anni prima Clough lo giudicasse un “bairn”.

|
“Bene”, dissi segnando anche questo sul taccuino.

“Non perché suo padre lavora per me. Bada bene. Quel piccolo bastardo [Archie Gemmill, formidabile giocatore scozzese del Derby County e del Forest di Clough, quello che giocava i palloni conquistati a centrocampo da McGovern] sta puntando il mio lavoro, ma non lo avrà mai, puoi starne sicuro.”

Stava sorridendo, con le guance accese dall’arietta che saliva dal Trent, e da un ritorno della sua naturale e quasi infantile malizia.

“Posso scriverlo?”

“Meglio di no”, mi disse. “Ma il giovane Gemmill ha fatto abbastanza da far pensare che potrebbe farcela. L’unica mia preoccupazione è se sia abbastanza forte.”

“Si infortuna?”

“Non è tanto questo.” La voce di Clough era diventata poco più di un sussurro cospirazionista, anche se eravamo soli e la porta era chiusa. “È ancora un ragazzino [Clough dice “bairn”, che è la parola scozzese per indicare un bambino]. Ha diciott’anni, ma penso che non si faccia nemmeno la barba. Avrà tipo un paio di peletti in tutto su tutto il corpo. È ancora un ragazzo, e questo è un gioco da uomini. Ma le altre qualità che dovrebbe avere un giovane calciatore le ha tutte. Così gli darò un anno. Lui e il giovane Stone sono molto amici, e si faranno coraggio l’un l’altro. E non farmi fare la figura del vecchio rincoglionito sentimentale nell’articolo, mi raccomando. Ora finisci di bere e fuori dai coglioni. Fai di quel che ti ho detto quel che meglio credi.”

Naturalmente, la cosa importante non è quello che avrei o non avrei fatto io con questa storia, ma quello che Steve Stone e Scot Gemmill avrebbero fatto della doppia scommessa di Clough.

Sono diventati tutti e due nazionali. Altri due giocatori che debbono a Clough quel po’ di tempo in più per far diventare realtà i loro sogni… e tutto questo nel tempo in cui il maestro dei manager avrebbe dovuto essere in parabola discendente.

Stone, diventato meno veloce ma più potente dopo l’incidente, grazie a tutto il tempo passato a spingere l’auto di Crosby, giocò 229 partite per il Forest nei dieci anni a partire dal 1989, soprattutto all’ala destra, il posto occupato prima di lui da luminari del ruolo quali Martin O’Neill e Trevor Francis. Fece nove apparizioni con la maglia bianca dell’Inghilterra, e fece parte della squadra selezionata per Euro ’96.

Il giovane Gemmill (sarà sempre “il giovane Gemmill”, a causa dell’impressionante traccia lasciata dal suo battagliero padre) giocò 245 partite per il Forest negli anni ’90, e si guadagnò 26 cap con la Scozia. Seguì le orme di suo padre anche dopo il ritiro, diventando allenatore; ora lavora per la Federazione scozzese, nello staff della nazionale Under 19.

* * *

Purtroppo, Gary Charles, che aveva esordito nella stessa partita contro il Coventry nella quale Cosby si era fatto male, non era atteso da un destino simile. Era diciottenne anche lui, un terzino non possente ma velocissimo, nato a Newham, nella West London. Fece un debutto sensazionale, addirittura fuori dal suo ruolo preferito, messo all’ala sinistra in una squadra devastata dagli infortuni.

Ancora più sorprendente è il modo in cui Clough decise di rischiare la carta del suo debutto, in quel mercoledì notte: da quello che aveva visto nel corso di una partita della Derby Sunday League quattro giorni prima. Il figlio maggiore di Clough, Simon, che di giorno gestiva una grossa edicola a mezzo miglio dal campo del Forest, a West Bridgford, allietava le sue domeniche allenando una squadretta locale di dilettanti. Brian, assecondando il suo istinto paterno, incoraggiva gli apprentice del Forest — e anche qualche giocatore un poco più vecchio, se viveva ancora nel lodge del club — a prendere parte a queste partite. C’erano due ragioni per le quali lo faceva: la prima era tenerli d’occhio nell’unico momento della settimana in cui avrebbero potuto sfuggire al suo controllo, in modo che non si mettessero nei guai. Il secondo è che era un ottimo modo per insegnare loro il comportamento che lui si aspettava che un giocatore tenesse sul campo.

In quella particolare domenica del novembre del 1988, a Simon mancava un giocatore, e Brian propose di usare uno dei ragazzi dell’Accademia. Ci fu una breve discussione sulle norme che regolavano l’eleggibilità dei giocatori in quella lega, ma il verdetto unanime che scaturì dal dibattito — cioè, il parere di Brian — fu che “quei tizi (gli avversari) non protesteranno per il semplice motivo che non sapranno che è un abusivo, perché non l’hanno mai visto prima d’ora, e perché probabilmente passeranno anni prima che possano vederlo ancora. Si camufferà perfettamente nel tuo branco di cagnacci.”

Con somma sorpresa del ragazzino, il maestro del manager vide in quei 90 minuti giocati su un campetto spazzato dal vento abbastanza da selezionare Charles per la partita contro il Coventry. Charles rispose segnando una rete, portando scompiglio tra le fila avversarie, e sollevando tanto scalpore da far scattare immediatamente una denuncia nei confronti del club del povero Simon per aver schierato un giocatore non registrato e ineleggibile. Un’accusa che nelle Football Association di contea viene spesso punita tipo con la condanna a morte.

Sembrava che il mondo fosse ai piedi di Charles, anche se avrebbe dovuto superare la competizione dei suoi rivali per il ruolo di terzino sinistro in squadra: e questi erano nientemeno che Brian Laws e Stuart Pearce.

Ma da quel novembre del 1988, ogni volta che il Forest doveva giocare una partita nelle vicinanze dell’East End di Londra, Clough diceva a Albert di portare il bus attraverso le case di Newham dove Charles era cresciuto. Albert rallentava — un po’ per il traffico, un po’ perché glielo diceva Clough — e il manager guardava fuori dal finestrino, ai casermoni di cemento, e si chiedeva “dove caspero ha imparato a giocare a calcio il ragazzino? Dove ha trovato un’aiuola d’erba per cominciare?”

Cercai di chiedere a Charles un sacco di volte la stessa cosa. La sua risposta, sempre la stessa, fu stringersi le spalle e ignorare ogni proposta di fare una storia fotografica su dove avesse mosso i primi passi da calciatore, in una carriera che lo portò a giocare otto anni nel Forest, e a vestire due volte la maglia della Nazionale inglese.

A parte un brusco contatto con la legge venuto da un incidente stradale occorsogli nel tempo del suo debutto, i suoi progressi furono tali da farlo entrare a vele spiegate nella prima squadra. Giocò anche la finale di FA Cup: Charles era lo sfortunato giocatore che fu quasi spezzato in due (naturalmente, per puro caso…) [l’ironia di Frecknall si riferisce al fatto che Gascoigne, infortunatosi al pari di Charles in quell’intervento e portato fuori in barella, non venne espulso dall’arbitro, come avrebbe dovuto essere tutta la vita; fatto che falsò quella partita, vinta poi dagli Spurs ai supplementari] dall’intervento omicida del famosissimo Gascoigne. Strano e triste il fatto che Charles abbia preso, via via, la stessa china di Gazza verso l’oblio. Dopo sole 56 partite nel Forest in quegli otto anni passati al City Ground, girovagò per Derby County, Aston Villa, Benfica, West Ham United e Birmingham City senza mai realizzare le possibilità che Clough aveva intravisto in lui una domenica pomeriggio sul campetto di un parco di Derby. E, mentre cercava di venire a patti con quello che la sua vita era diventata al di fuori del football, cominciò a avere tanti problemi con l’alcol da farsi anche un po’ di dentro e fuori nelle galere di Sua Maestà.
|
Il fallo di Gascoigne su Gary Charles

Il fallo di Gascoigne su Charles.

|
Stone, il giovane Gemmill e Charles. La vivida esemplificazione di che razza di lotteria sia il calcio, anche per i suoi interpreti più dotati.

E Gary Crosby, chiederete? Il ragazzo che possedeva la berlinetta con la quale lui e Stone cercavano di recuperare? Anche lui ce la fece, anche se la sua carriera fu meno brillante di quella del giovane Gemmill e di Stone: giocò per sette anni nel Forest, scese in campo 152 volte segnando 12 reti. Poi, dopo un periodo in prestito al Grimsby Town, girovagò per le serie minori inglesi fino al 1998, quando fu chiamato a assisterlo dal nuovo manager dei gialloneri, un suo caro amico dei tempi del Forest, il figlio di colui che l’aveva lanciato nel calcio professionistico: Nigel Clough. Giocò e allenò con Clough il Burton Albion fino al 2005, dopodiché divenne l’assistente di Nigel. Insieme, abbandonarono il Burton Albion per il Derby County nel 2009, e Gary è tuttora il secondo di Clough sulla panchina dei Rams.
|

Nigel Clough e Gary Crosby

Nigel e Gary accolgono due nuovi acquisti al Derby County: James Bailey (sinistra) e John Brayford. È evidente, visto lo stato in cui versano Crosby e Stone, che la macchina di Gary aveva qualche problemino di emissioni tossiche.

|
Ormai lo sapete: a Nottingham Forest Italia piacciono molto le storie collaterali, quelle piccole, quelle che, soprattutto da noi, non conosce quasi nessuno, quelle che vengono fuori come per troppa pressione da quelle relativamente più grandi, come l’epopea di Brian Clough.

Perché il calcio, soprattutto quello inglese, è un patrimonio di storie, e, ancor più, di mitologie, che nella storia dell’umanità ha paragoni solo con quello greco e con quello indiano; e non lo dico affatto pensando di esagerare.

Oltre che a Scot Gemmill, Steve Stone e Gary Charles, l’articolo cita di sfuggita un altro personaggio meraviglioso.

Jimmy Sirrell è stato un manager grandissimo e sottovalutato.

Scozzese di Glasgow, portò il Notts County dalla quarta alla prima divisione, e viene universalmente ricordato come il miglior allenatore che le Gazze d’oltre Trent abbiano mai avuto. Calciatore modesto, il suo massimo risultato fu di giocare qualche partita nel Celtic da riserva, giocò soprattutto nelle serie minori inglesi, e cominciò a allenare il Brentford, per passare al Notts County nel 1969, prendendoli in quarta divisione.

Allenò i bianconeri per dieci anni, portandoli in seconda divisione, li abbandonò un paio d’anni, dal ’75 al ’77, per lo Sheffield United, e poi li riprese dove li aveva lasciati, in Seconda Divisione, in piena lotta per la retrocessione; li risollevò, e li portò in Prima divisione nel 1981, per la prima volta dal 1926, sancendo l’impresa con una vittoria per 2-0 a Stanford Bridge, e abbandonò l’allenamento attivo, diventando general manager, l’anno dopo, dopo aver conquistato un onorevolissimo quindicesimo posto, senza mai correre nessun pericolo di retrocessione.

Tra l’altro, lasciò il posto in panchina a un’altra gloria locale, il nostro Larry Lloyd.

Tornò in panchina tre anni dopo, con il Notts County di nuovo retrocesso e in piena crisi finanziaria, per evitare la retrocessione in terza serie, ma fallì l’ennesima impresa; dopo altri due anni vissuti in panchina, senza gloria e senza infamia, in Terza Divisione, abbandonò definitivamente il calcio.

È uno dei tre manager, nell’intero secolo e mezzo di storia del calcio inglese, a aver portato una squadra dalla quarta alla prima serie. La tribuna principale del Meadow Lane, la County Road Stand, gli fu intestata nel 1993, quando era ancora ben vivo e vegeto, un riconoscimento rarissimo, credo, ma ben meritato. Quando il Chairman gli telefonò per chiedergli il permesso, Jimmy rispose: “’T would be a bloody honour, sir”.

|

Jimmy Sirrel tribute gate

Il 25 settembre 2008, dopo aver saputo della morte di Sirrell, i tifosi del Notts County portano fiori e sciarpe di fronte alla tribuna che ha preso il suo nome.

|
È un grande misconosciuto del calcio inglese; un grande non altrettanto misconosciuto del football britannico trovò queste parole, per ricordarlo il giorno suo funerale, cui volle a tutti i costi partecipare:

Quello che posso dire è che Jimmy è il manager che avrei voluto per la squadra di cui fossi stato tifoso, e che tutti i manager che l’hanno conosciuto la pensano allo stesso modo.

I manager davvero fantastici, quelli che tutti dovrebbero ricordare davvero, sono le persone come Jimmy, quelle che lavorano senza soldi, o con pochi soldi, e con giocatori tutto sommato modesti, ma che fanno nella loro carriera le cose straordinarie che ha fatto lui al Notts County e allo Sheffield United.

Alex Ferguson

|

14 commenti

Archiviato in forest legends, La storia di Brian Clough

Nottingham Forest 0–1 Derby County

|wpid-schermata2012-10-05alle17-59-06-2012-10-2-17-52.png

|

Vabbè, dai, togliamoci il pensiero. La fixture che tutti i tifosi vanno a cercare quando esce il campionato diventa tutto d’un tratto il result che nessun tifoso vuole più vedere una volta che la partita è passata, se passa male come è passata questa.

Ho già detto nel commento come la prestazione del Forest sia stata insufficiente, al pari di quella dell’arbitro, ma la fossa ce la siamo scavata, più che altro, da soli. In una partita chiusa e molto dura, abbiamo tirato in porta una volta sola, al 93′, con un tiro di incontro di Gillett miracolosamente respinto in corner da Fielding: difficilmente si potrebbe spiegare una prestazione così SOLO con l’operato dell’arbitro (l’inespertissimo e inadatto Madley, pure, ripeto, assolutamente disastroso): quando si fa così poco per vincere una partita, accusare qualcun altro per averla persa non sembra un atteggiamento molto maturo.

Veniamo alla cronaca: scendiamo in campo con l’ormai solito rombo, ma con novità di peso: Cohen rientra dall’inizio per la prima volta dall’infortunio patito ai legamenti del ginocchio la scorsa stagione, e, rispetto alla partita persa contro il Leeds torna dall’inizio anche McGugan. I bocciati dell’Elland Road sono, dunque, Coppinger e Moussi. La difesa, pure incerta nella trasferta infrasettimanale nello Yorkshire, è, invece, confermatissima. Jenas, invece, contrariamente alle aspettative della vigilia, non è nemmeno in panchina.

Camp

Halford — Ayala — Collins — Harding

Cohen — McGugan — Gillett — Reid

Blackstock — Cox

Ci sono due tipi di partite molto sentite, quelle che vengono fuori bellissime e quelle che vengono fuori bruttissime. Bastano i primi due minuti e un paio di sguardi all’approccio ipermuscolare del Derby e a quello ipertimoroso dei Reds per capire a quale tipologia appartiene questa edizione della Brian Clough Cup, il quale, se avesse visto la partita, non dubito che avrebbe intimato agli organizzatori di togliere il suo nome dal trofeo, quantomeno da questa edizione. È un po’ come se a me venisse in mente di chiamare Premio Paderewski una gara organizzata tra i bambini di quattro anni della mia via a chi riesce a suonare meglio dopo cinque minuti di allenamento la sigla di Holly e Benji su un organo bontempi con due tasti scassati.

Prima azione notevole di Halford sulla destra, lanciato da un grande curled pass di McGugan dalla nostra trequarti. Halford si scapicolla e dalla fascia laterale la offre di piatto destro a Cox sull’angolo della loro area, Cox si avvicina alla linea di fondo lungo il bordo dell’area stessa, crossa, e la palla incoccia sul braccio di Buxton e finisce in corner. Proteste di Simon nei confronti del guardalinee, l’arbitro, per non fare torto a nessuno, concede la rimessa dal fondo ai Rams. Ottimo inizio.

Halford offre dalle retrovie una difficile palla a Blackstock sulla tre quarti, Dex cerca il controllo ma viene cozzonato da dietro da Buxton che sembra voglia fargli sentire la varra, mentre Bryson gli entra con un colpo di karatè sulle balle. L’arbitro ride di gusto allo spettacolo di tanta maschia esuberanza, però non ammonisce Dex per simulazione mentre si contorce per terra con le mani sulle gonadi, il che gli rende in qualche modo onore.

|

wpid-schermata2012-10-05alle18-28-54-2012-10-2-17-52.png

|

Su palla recuperata dalla nostra difesa, grande lancio di Reid per Simon Cox sempre sul vertice destro della loro area, Cox stoppa a seguire, arriva sulla linea di fondo, rientra evitando Hendricks retrocesso a protezione dell’area, penetra e scarica dietro a Cohen appostato dentro la lunetta e piuttosto libero: Chris cerca il tiro a giro di sinistro, ma viene fuori un robo con un prefisso teleselettivo lungo un chilometro, facilmente controllato da Fielding (ah, ok, allora abbiamo fatto due tiri in porta).

Su una palla contrastata lungo la fascia laterale, poco dentro la nostra metà campo, bruttissima entrata di Cox su Bryson, con gamba a martello a schiacciare la caviglia dell’Ariete numero 4. L’arbitro ci ha preso gusto, evidentemente, e non fischia nemmeno la punizione. In una partita normale con un arbitro meno rincoglionito avrebbe potuto benissimo essere rosso diretto.

(Lo so che questa cronaca è una palla, e che racconto solo falli, ma il primo tempo è stato così: sarei un pessimo cronista se cercassi di rendere divertente una schifezza simile).

Rilancio di Camp verso Dex sulla loro tre quarti, Buxton si ricorda della maglietta che indossa e interpreta meravigliosamente il ruolo di ariete in amore, prendendo la rincorsa e andando a dare una testata a Blackstock in elevazione. L’arbitro questa volta concede il fallo, Dex si incazza come una iena perché ogni volta che salta a ricevere il rilancio il bue con la maglia 5 lo stira, ma si vede che l’arbitro è molto dispiaciuto che il nostro attaccante non gradisca il tipico sapore del ruvido gioco inglese; Madley ha la tipica faccia di sorpreso disappunto, da “ora gli faccio vedere io a questa checchetta negra” che i suoi antenati dovevano avere quando qualche schiavo protestava per i vermi dentro il pane mentre veniva trasportato in Alabama; e infatti.

Harding lancia lungo dalla nostra tre quarti (come forse si capirà, il passing flair game con il quale il Forest aveva cominciato il campionato domenica si è trasformato nel più classico hoofball da campetto di provincia britannico: i reparti del Forest, in particolare il blocco difensivo + Gillett e i due attaccanti + i tre centrocampisti offensivi appaiono molto più scollati di quanto non sembrassero qualche tempo fa), Blackstock riceve, riesce a girarsi e a andare via a Buxton, il quale pensa bene di sdraiarlo con un intervento da dietro in spaccata. L’arbitro concede il fallo e, direte voi, questa volta lo ammonirà, ‘sto cazzo di Buxton, e infatti, con aria avvilita, finalmente l’arbitro estrae un cartellino, tipo al quindicesimo fallo del ruvido difensore del DC, un personaggio che sembra ricalcato sull’immaginario difensore britannico tratteggiato nelle sue telecronache da Nando Martellini (“il ruvido e lento difensore inglese”, diceva di chiunque provenisse vagamente dai pressi delle isole britanniche e avesse un numero inferiore a 7 sulla schiena, anche quando si trattava di un difensore meraviglioso come Lawrenson, tanto per dire; ma con Buxton ci avrebbe preso).

Non vedete l’ora che finisca la cronaca del primo tempo? Anch’io.

Blackstock cerca di impadronirsi di una palla vagante all’altezza della loro tre quarti, e allora arrivano tre energumeni vestiti di bianco che lo buttano per terra e cominciano a prenderlo a calci. L’arbitro arriva di corsa urlando “con i cappucci in testa e le croci infuocate però è più divertente”, e invita i tre a farsi una birra dopo la partita per sparar due cazzate e farsi quattro risate.

|

wpid-schermata2012-10-05alle19-00-00-2012-10-2-17-52.png

“Hey ref, we’re just having a few laughs”

|

Rimessa di Halford dalla loro tre quarti destra: come tutti ormai sanno, le rimesse di Halford dalla trequarti destra degli avversari producono, ormai, le nostre più ghiotte occasioni da rete: in questo caso, però, Danny esagera e vuole fare tutto da solo: la sua rimessa colpisce la traversa della porta di Fielding e finisce in fallo di fondo, tra l’ilarità generale (anche dello stesso Halford, a dire il vero).

Infine, la più ghiotta occasione del primo tempo: una punizione sulla destra della loro area, all’altezza dell’area di rigore, la piastrella di Woan, tanto per intendersi con i tifosi più attempati: se ne incarica Reid, che cerca il cross ma trova le manone aperte di Fielding pronte alla respinta. Non impeccabile nelle uscite il portiere bianco, una debolezza che, forse, non abbiamo sfruttato a sufficienza (non che si sia sfruttato a sufficienza qualcosa, domenica, intendiamoci).

Harding recupera un pallone bel cerchio centrale del campo e Henrdicks, senza pensarci due volte, gli riverbera un possente calcione sulla tibia.

A questo punto si incazza pure il di solito inappuntabile Fray, che comincia a dire “unbelievable, unbelievable from Derby, every time that Forest get the ball they are clattered into“.

(Visto che la partita fa schifo, impariamo almeno un bel phrasal verb con il quale fare bella figura con i vostri amici inglesi quando andate allo stadio insieme: il clatter è il rumore che fanno gli zoccoli sull’acciottolato, ma clatter into someone, nell’inglese britannico, è un termine gergale calcistico, e vuol dire “fare un fallo duro su qualcuno”).

Altra rimessa di Halford dalla tre quarti, Collins salta al limite dell’area di porta, colpisce bene di testa e manda la palla sulla parte superiore della traversa, approfittando anche dell’orrenda uscita di Fielding; ma l’arbitro, divenuto improvvisamente un sensibilissimo cultore del gioco di fino, punisce un incomprensibile e invisibile scorrettezza del nostro difensore assegnandoci un fallo in attacco.

Su un rilancio della difesa del Derby, Ayala fa una mezza cazzata e consegna il pallone a Sammon, che avanza un paio di passi e dalle trenta iarde fucila un esterno destro a uscire che passa non molto lontano dall’incrocio alla sinistra di Camp.

Sul finire del primo tempo, il Forest, se non altro, guadagna campo, come si suol dire, riuscendo a manovrare più spesso sulla tre quarti avversaria: bellissima apertura di Cohen su Harding scaraventatosi in avanti sulla fascia sinistra; il nostro terzino avanza fino alla tre quarti avversaria e accentra di piatto verso Cox appostato appena fuori area, sul centrosinistra. Cox controlla, si accentra di qualche passo e tira di collo esterno destro, anche lui dalle trenta iarde: un tiro non pericoloso come quello di Sammon, ma piuttosto ben eseguito.

Il secondo tempo comincia con la mazzata decisiva.

Lancio dalle retrovie per Blackstock, impegnato in un nuovo corpo a corpo aereo con Keogh. Dex alza il braccio, in effetti, e non è chiaro se colpisca il suo avversario, ma lo stopper avversario si dimentica all’improvviso di essere un ruvido difensore britannico, e si abbandona al suolo rantolando come un Busquets qualsiasi. L’arbitro approfitta volentieri dell’occasione e caccia dal campo Dex. Al rallentatore si capisce che il colpo c’è stato: è stato lieve, ma il movimento del braccio è stato molto scomposto.

Come ho scritto subito guardando la partita, un giocatore professionista guadagna in una settimana quello che i suoi tifosi guadagnano in un anno proprio perché si presume che abbia un controllo completo del proprio corpo e della propria mente in situazioni di stress estremo, soprattutto, in questo caso, quando ha abbondantemente intravisto i sintomi di un arbitro ostile. Probabilmente la sbracciata di Blackstock era più da ammonizione che da espulsione, perché era evidentemente priva di cattiveria (braccio completamente teso e corsa molto corta), ma servire su un piatto d’argento in questo modo l’occasione per la propria espulsione, spiace dirlo, è stato davvero da pollo.

Non reagiamo all’espulsione, e per qualche minuto siamo apparentemente in balia dell’avversario.

Brayfod accelera sulla destra fino alla nostra tre quarti e la dà in mezzo a Hendricks che la ritorna al terzino bianco con un bell’uno-due, Brayfod si dirige verso la nostra area: giunto al suo vertice invece di accentrare il pallone lo allarga intelligentemente di nuovo sulla destra per l’accorrente Coutts che, inefficacemente contrastato da un Reid nettamente in ritardo nella sua chiusura, mette in mezzo un pallone sul quale lisciano Collins e Sammon ma non Bryson, che infila di piatto da una iarda.

Non ho contato i gol che abbiamo preso dalla nostra fascia sinistra, ma sono indubbiamente molti. L’inefficacia di Reid nella chiusura sta diventando un problema piuttosto serio, secondo me.

Sugli sviluppi di un corner battuto dalla nostra destra, ancora Bryson arriva al tiro dal limite dell’area, ma Camp controlla in due tempi: a dire il vero, la palla gli era sfuggita a un paio di iarde, ma nessuna maglia bianca era appostata a approfittare dell’imprecisione del nostro estremo difensore.

Cohen batte una punizione dal centrodestra della loro tre quarti cercando la testa di un compagno in un’area molto trafficata: in realtà la palla non la devia nessuno, e arriva a rimbalzare a mezza iarda da Fielding che controlla anche lui in due tempi con qualche difficoltà, anticipando di un soffio la testa di Collins protesa al rebound.

Su un rilancio della nostra difesa, Cox appostato sulla linea mediana lancia benissimo di interno destro al volo il subentrato Sharp sulla sinistra, Sharp controlla, arriva fin quasi al vertice sinistro dell’area e scarica indietro ancora a Cox; Simon punta deciso l’area di rigore, viene circondato da un nugolo di avversari tipo Boromir a Parth Galen, caracolla cercando uno spiraglio ma è contrato da Keogh che respinge alla bell’e meglio, Sharp cerca il tiro sulla respinta ma viene ancora una volta contrastato efficacemente dalla difesa avversaria, e Brayfod riesce a allontanare definitivamente in tocuhe.

Col passare dei minuti la nostra offensiva, anche se sempre disordinata, diventa più continua, e il Derby County si raccoglie completamente nella sua metà campo. Camp rinvia lunghissimo per Danny Collins, avanzato fin sulla tre quarti avversaria per fare da centroboa; Collins riesce a conquistare il pallone e lo allarga sulla fascia destra per Cohen, che avanza fino all’altezza dell’area di rigore avversaria, affronta il proprio avversario e con un paio di finte lo sbilancia tanto da trovare lo spazio per il cross, Buxton anticipa Cox di testa nell’area piccola, ma il suo rinvio è molto corto e arriva ballonzolando sul limite dell’area di rigore, dove irrompe Gillett con ottimo tempo: tiro d’incontro, di collo destro esterno, quasi a botta sicura, ma Frankie Fielding si guadagna la pagnotta parando miracolosamente con un tuffo sulla sua sinistra.

È la nostra occasione più chiara e clamorosa, e capita al 93′.

Dopo la parata si crea una mischia tra l’area di rigore e l’out destro, che origina una punizione per noi, della quale si incarica Cohen. È l’ultima occasione, Collins sfiora appena di testa sul vertice dell’area piccola, ma non tanto da imprimere la decisiva rifrazione alla traiettoria, e la difesa del Derby pulisce l’area, stavolta con definitiva decisione.

Fischio finale, e bianchi che vanno sotto la loro tribuna a raccogliere gli applausi dei tifosi prima di andare a sollevare di nuovo la Coppa d’argento messa in palio per la sfida.

Il Derby è venuto a giocare la partita che una squadra nettamente inferiore tecnicamente doveva giocare fuori casa in una partita così importante, magari aiutata da un arbitro compiacente, ma noi non siamo stati in grado di trovare contromisure a un’impostazione così chiusa e pastosa. Dobbiamo fare tesoro di questa esperienza, crescere, imparare a far fronte a queste situazioni, imparare che non esistono solo le situazioni di gioco aperto che apparentemente gradiamo (o meglio, gradivamo, visto che siamo a una vittoria nelle ultime sette partite) tanto.

* * *

Forest: Camp; Halford (Moloney 78′), Ayala, Collins(c), Harding; Gillett, Cohen, McGugan (Lansbury 75′), Reid (Sharp 75′); Blackstock, Cox

NE: Evtimov (GK), Moussi, Coppinger, Majewski

Ammoniti: Reid 21′, Gillett 69′, Cox 90′, Lansbury 90′

Espulso: Blackstock 46′

Derby: Fielding, Brayford, Roberts (O’Connor 79′), Bryson, Buxton, Keogh (c), Coutts, Hendrick, Hughes, Sammon (Robinson 82′), Ward (Jacobs 66′)

NE: Legzdins (GK), Tyson, Gjokaj, Freeman

Marcatore: Bryson 55′

Ammoniti: Buxton 23′, Roberts 38′

Arbitro (vabbè…): Robert Madley
M
Spettatori: 28.707 (di cui ospiti: 4.389)

Lascia un commento

Archiviato in east midlands derby, Senza categoria, stagione 2012-2013

Un arbitro farsesco inchioda la bara in cui il Forest, però, si è adagiato da solo.

|

wpid-schermata2012-09-30alle18-02-17-2012-09-30-17-40.png

|

Intendiamoci, l’arbitro è stato allucinante nel suo metro di giudizio (soprattutto se guardiamo la grottesca ammonizione a Reid e guardiamo ai cartellini risparmiati ai difensori e ai centrocampisti bianchi), e l’espulsione di Blackstock (molto discutibile, ma non fuori dal mondo) ha decisamente cambiato la partita, ma la prestazione del Forest lo è stata altrettanto. Un solo tiro in porta in novanta minuti, di Gillett e nel recupero, una squadra spenta, dominata sul piano fisico e tattico da un Derby al quale l’arbitro ha concesso molto in fase di interdizione, ma al quale noi non abbiamo saputo opporre altrettanto spirito e il nostro oggettivamente superiore tasso tecnico. Ora ci ritroviamo in zona medio-bassa, più vicini alla zona retrocessione che alla zona play-off, con in arrivo un Blackburn Rovers certamente non intenzionato a rallentare ancora la sua corsa.

I brutti segnali intravisti la prima volta nella partita di Coppa contro lo Wigan, sottovalutati per le molte circostanze attenuanti che caratterizzarono la prestazione dei Reds, stanno diventando partita dopo partita la cifra espressiva delle nostre prestazioni: difesa molle e spesso distratta (soprattutto dalla nostra sinistra), momenti di vuoto mentale, tratti di partita regalati agli avversari e incapacità di tenere la concentrazione; inoltre, pur potendo vantare una linea di fuoco composta da Cox, Sharp e Blackstock, abbiamo uno degli attacchi più sterili della lega.
Ancora non sappiamo quale sia il margine di tolleranza degli Al-Hasawi, e quanta sia la pazienza a loro disposizione (il loro score al Quadsiya li dipinge come mangia-allenatori), certo è che se il Forest non mostrerà entro breve decisi segni di miglioramento, discutere la sua panchina potrebbe non essere più un argomento tabù.
|

* * *

|
Per venire ai fatti, attacco in piena emergenza per mercoledì: Blackstock sarà squalificato per tre giornate, Cox è stato ammonito per la quinta volta e subirà un turno forzato di stop, mentre Tudgay, operato di ernia, sarà fermo per due settimane.
|

Lascia un commento

Archiviato in east midlands derby, stagione 2012-2013

Il Brian Clough Trophy e la Coffee Cup.

|
Brian Clough Way
|

E così, siamo al primo incontro stagionale tra Forest e Derby County, le squadre divise forse dalla più accesa rivalità dell’intero calcio inglese. Le due città distano 14 miglia l’una dall’altra, una ventina di chilometri, con due comunità piuttosto mescolate (molti cittadini di Nottingham lavorano a Derby, e viceversa, senza contare il territorio intermedio, con tifoserie molto intersecate), cosa che aggiunge ulteriore pepe alla faccenda.

Come tutto quello che riguarda il calcio inglese, anche la rivalità tra NFFC e DCFC è ricca di storie, di aneddoti, di protagonisti luminosi e oscuri. Vediamo di ripercorrne frettolosamente qualcuno, che tra meno di un’ora comincia la partita.

L’inimicizia tra le due squadre e le due tifoserie non è quella che si potrebbe definire una rivalità storica: nonostante una finale di FA Cup che le vide opposte nel 1898, con una sorprendente vittoria del Forest per 3-1 (i Reds erano stati sconfitti per 5-0 pochi giorni prima nella partita di lega), fino agli anni ’60 le alterne vicende delle squadre avevano fatto sì che tra di esse si siano registrate, tutto sommato, poche partite.

wpid-schermata2012-09-30alle10-54-45-2012-09-30-12-19.png

|

La prima si disputò nel 1892, al Racecourse Ground di Derby, partita che vide la vittoria dei True Reds per 3-2: il Forest era alla sua prima partecipazione al massimo campionato inglese, anche se è un club molto più vecchio dei Bianchi di Derby. Fino al 1906, con le due squadre entrambe impegnate nel massimo campionato, le partite si svolsero regolarmente, due per stagione, ma in quell’anno il Forest fu retrocesso; tra guerre e alterne vicende delle squadre, fino a tutti gli anni ’60 il derby delle East Midlands si tenne solo altre 12 volte, tutte in seconda divisione, con l’aggiunta di quattro sfide in FA Cup.

Nel 1969-70 la partita tornò a far capolino nella massima serie, dopo 64 anni di attesa, e da quel momento i Reds e i Rams hanno disputato altri 17 campionati insieme (questo è il diciottesimo), 12 nella massima serie e 5 nella seconda divisione. Fu proprio negli anni ’70, con il passaggio di Brian Clough al Forest, che la rivalità si accese arrivando ai livelli parossistici di oggi. Esattamente come succede tra figli gelosi, l’animosità tra i tifosi di Forest e Derby County aveva molto più a che fare con la reciproca convinzione di essere stati la squadra della vita del Gaffer che con la vicinanza geografica (che, certo, però, fornì e fornisce, come detto, abbondante carburante all’inimicizia). Questo, insieme al fatto che nessuno dei due club aveva veri e propri rivali storici (Derby è una one team city, mentre il Notts County non è mai stato preso molto seriamente, come avversario, dai tifosi del Forest, molti dei quali, anzi, guardano con simpatia (non ricambiata) alle sorti delle Gazze del Trent.

|

wpid-schermata2012-09-30alle12-16-45-2012-09-30-12-19.png

|

A mettere uno dei chiodi più robusti alla palizzata d’odio che divide le due tifoserie fu un altro personaggio mitico: Peter Taylor. Dopo aver annunciato il suo ritiro alla fine del campionato 1981-82, e avere conseguentemente abbandonato l’amico di sempre Brian Clough e il Nottingham Forest, accettò, invece, la proposta di diventare manager del Derby County, dove rimase fino alla fine della stagione 1983-84. Per soprammercato, convinse John Robertson, ala sinistra decisiva nei successi del Forest e molto cara a Brian Clough, a abbandonare a sua volta il City Ground per seguirlo nell’avventura. Oltre che i tifosi del Forest — il cui amore nei confronti di Taylor fu macchiato da questo gesto, tanto che nulla al City Ground, oggi, ricorda la figura del vice di Clough — questo gesto offese mortalmente anche Brian Clough, e segnò la fine dell’amicizia pluridecennale tra i due.

Dopo una fase in cui molti tifosi del Forest ponevano il Liverpool come più acerrimo rivale, a causa degli scontri degli anni ’70 e ’80, e a causa del ricordo di Hillsborough, il divaricarsi dei destini delle due squadre rosse e la pacificazione avvenuta sui tremendi fatti dell’89 ha restituito ai Bianchi il ruolo di nemico pubblico numero uno: al giorno d’oggi, 96 tifosi del Forest su cento e 100 tifosi del Derby su 100 indicano nella squadra posta all’altro capo dell’A52 la squadra contro la quale dà più soddisfazione vincere, una delle percentuali più alte di antipatia reciproca dell’intera Football League.

Una rivalità punteggiata da episodi anche molto cruenti: negli anni ’80 i tifosi del Derby e del Leicester, dopo le partite contro il Forest organizzavano spesso vere e proprie cacce all’uomo nei confronti dei tifosi Rossi nel centro di Nottingham, e nel 2009 i tifosi del Forest fecero graziosamente trovare teste di pecora mozzate fuori da alcuni pub di Derby.

Recentemente, la rivalità è stata rinfocolata da un paio di clamorosi nuovi “voltafaccia” manageriali: il passaggio di Billy Davies dal Derby al Forest nel dicembre del 2009, che portò a attraversare la A52 anche giocatori molto amati a Derby, come l’enfant du pays Lee Camp, Rob Earnshaw e Dex Blackstock, e l’arrivo a Derby della leggenda rossa Nigel Clough, il figlio di Brian, che ingaggiò subito un altro (ormai ex) idolo dei tifosi del City Ground, Kris Commons.

Certo, l’atteggiamento un po’ immaturo dei giocatori non ha sempre contribuito a raffreddare gli animi: nel 2008, Commons, alla fine di un match vittorioso, sventolò la sciarpa bianconera in faccia ai tifosi del Forest, e l’anno dopo, per ripicca, Nathan Tyson (ora, tra l’altro, in forza proprio ai Rams) fece lo stesso con una bandierina del corner rossa con l’albero dopo una rimonta da 0-2 a 3-2 del Forest al City Ground: gesto che scatenò una rissa piuttosto violenta e serie conseguenze disciplinari: per Tyson soprattutto, e, in secondo luogo, per le società e per tutti i giocatori coinvolti nello scontro.
|
Nathan Tyson sventola la bandierina del corner
|

Dal 2007, in ogni incontro tra le due squadre viene messo in palio il Brian Clough Trophy, una coppa nata per iniziativa del Brian Clough Memorial Fund e della vedova di Brian, Barbara, e ha carattere ufficiale. Solo la prima edizione del trofeo fu una partita organizzata appositamente, un’amichevole di beneficenza; in tutte le altre occasioni, il trofeo è stato messo in palio in ogni incontro ufficiale tra le due squadre, di coppa o di campionato. In caso di pareggio, il trofeo rimane alla squadra che lo detiene all’inizio della partita. Dopo le due vittorie dei Rams nello scorso campionato, dunque, il trofeo è in mani bianche, e ci vorrà una vittoria piena per strapparlo al Pride Park.

La coppa messa in palio è d’argento, e è molto vecchia: si tratta di una loving cup (una coppa per bevute in comune, di quelle che si passano da commensale a commensale dopo averle riempite di qualche bevanda) della fine dell’800, alla quale è stata aggiunta la figurina di Clough in cima al coperchio, ma non è mai stata usata come trofeo sportivo fino al 2007.
|
Il Brian Clough Trophy
|
Una curiosità per finire, a proposito di trofei: tanto per dare un’idea della rivalità tra le due squadre, il trofeo più bizzarro conservato nella bacheca del Derby County è uno di quei grossi bicchieri di plastica nei quali in Inghilterra si usa mettere il caffè e il cappuccino da asporto. È un trofeo “conquistato” nel corso di una partita tenutasi nel marzo del 2004, in una situazione piuttosto drammatica, dato che entrambe le squadre stavano lottando per rimanere in seconda divisione; la gara, disputatasi al Pride Park e finita 4-2 per i Bianchi, fu decisa anche dal fatto che il portiere del Forest, allora Barry Roche, in un momento decisivo scivolò proprio su questo bicchierone, gettato in campo da un tifoso dei Rams, mentre stava raccogliendo un pallone in area, e mancò clamorosamente la presa; questo finì a Peschisolido che, a porta completamente sguarnita, siglò il 2-0. Non certo un comportamento da gentleman: il gesto suscitò discrete polemiche; fatto sta che, archiviata la proposta iniziale di vendere all’asta la “Coffee Cup” per raccogliere fondi per una statua in memoria di Bloomer, il board del Derby County decise, invece, di inserire la Coppa di plastica tra i trofei d’argento, un gesto che misura bene la qualità dei rapporti tra le due squadre.
|
Coffee Cup Derby County-NFFC
|
Per fortuna, la Coffe Cup è l’ultimo trofeo vinto dai Rams, e, detto tra noi, speriamo che lo rimanga a lungo.

|

Lascia un commento

Archiviato in east midlands derby

1993-1995: Frank Clark, o la Grande Illusione.

|
Stan Collymore Nottingham Forest 1993-94
|
Per ricordare Brian Clough in occasione dell’anniversario della sua morte, occorso il 20 settembre, non parlerò del suo lavoro al Forest, ma del suo ultimo anno e della sua eredità immediata: prendo spunto da un post pubblicato da The Two Unfortunates, un sito di varia umanità con un occhio di riguardo nei confronti del calcio, che, nella serie “Great Football League Teams” dedica un post al Forest del biennio 1993-95, la più forte edizione dei Garibaldi Reds del dopo-Clough. Si tratta di un doveroso omaggio a una delle migliori edizioni del Forest di tutti i tempi, e ai suoi “unsung heroes”.

Molti tra i tifosi del Forest (soprattutto quelli giovani o lontani) sanno tutto dell’ultima straziante partita di Brian Clough, ma non moltissimi sanno che le successive due stagioni furono memorabili, e che la squadra messa su da Frank Clark non aveva molto da invidiare nemmeno a quelle più talentuose messe su dal Gaffer.

Proprio nel momento nel porto della massima serie inglese in cui stava entrando fischiando un piroscafo pieno di vacche grasse, il talento manageriale di Brian Clough suonò i suoi ultimi rintocchi. La Premier League fu inaugurata nel 1992, e il Forest iniziò quella stagione con una grande iniezione di ottimismo: una meravigliosa vittoria interna contro il Liverpool, ottenuta grazie a un gol solitario di Teddy Sheringham, o Edward, come l’eccentrico Manager era solito chiamarlo. Proprio mentre i tifosi che avevano assistito alla partita tornavano a casa felici o parlavano delle prospettive stagionali al pub, il migliore attaccante della squadra, a loro insaputa, dava una svolta decisiva alla stagione dichiarando nel dopo-partita alle neonate telecamere di Sky la sua ferma intenzione di tornare a Londra. Certo, parlare di svolta stagionale dopo una partita può sembrare azzardato, ma fui certamente un punto chiave nella stagione del Forest, dal momento che la squadra che Sheringham si lasciò dietro apparve sgonfiata, e perse sei partite di fila, e cominciò un’inesorabile scivolata verso la retrocessione.

Ci sono stati, recentemente, articoli e post sulla figura di Brian Clough che sembrava mettessero in dubbio le sue abilità manageriali, e che affermavano che la chiave dei suoi successi fu la partnership con Peter Taylor. Da una parte, certo, non bisogna sottovalutare il ruolo giocato da Peter Taylor nei successi del Derby County e del Nottingham Forest negli anni ’70, dall’altra se si osservano ottenuti dalle successive versioni del Forest, costruite da Clough dopo la separazione dall’amico, non si può non rimanere convinti del grande talento del manager di Middlesbrough.

Certo, il Forest non rivinse più la Coppa dei Campioni, ma la serie di piazzamenti nella top ten della prima divisione e la regolare frequentazione di Wembley nelle finali e nelle semifinali delle Coppe nazionali rappresentano, per una squadra come il Forest, un record impressionante; inoltre, questo record fu ottenuto attraverso una qualità di gioco sempre molto alta.

Nel 1991, finalmente, il Forest riuscì a qualificarsi per la finale di FA Cup, dopo essere stati eliminati dagli arci-rivali del Liverpool nelle semifinali del 1988 e del 1989. La finale fu lanciata da tutti i media come l’ultima occasione per Brian Clough di aggiungere alla sua bacheca il solo grande troteo che, fino a allora, aveva eluso gli sforzi profusi nella sua carriera manageriale. Quando il Forest fu battuto dal Tottenham Hotspur, in una finale controversa nel corso della quale giocarono un ruolo fondamentale l’arbitro Roger Milford e il centrocampista degli Spurs Paul Gascoigne, in molti pensarono che fosse arrivata l’ora, per Clough, di fare un passo indietro e godersi la pensione. Ripensandoci a posteriori, forse sarebbe stata la scelta migliore, nonostante il nuovo viaggio a Wembley fatto nel 1992 per giocarsi una finale di League Cup persa contro il Manchester United: la sua aura, infatti, stava sbiadendo, e la sua salute stava visibilmente declinando.

Nulla confermò il fatto che Cloughie stava perdendo il tocco magico più del modo in cui cercò di sostituire Sheringham, e di ovviare alla fatica che, dopo la sua partenza, il Forest stava facendo a segnare: siede che aveva trovato un provetto attaccante di Premier League per risollevare le sorti della squadra, e nel marzo 1993 presentò Robert Rosario, un tizio il cui maggior contributo alla spettacolarità delle partite era quando inciampava nelle sue stringhe, che segnò una rete nelle 10 partite del suo periodo al Forest. [Dedicheremo a Robert un post, prima o poi, visto che si tratta, in fondo, dell’ultimo acquisto di Clough da manager, così come abbiamo dedicato un post al suo primo ingaggio].

La partenza di Clough alla fine della stagione fu gestita in maniera schifosa dal board del Forest, ma, in compenso, l’addio che ricevette dai tifosi, sia quelli di casa sia quelli ospiti dello Sheffield United, alla fine dell’ultima partita rifletté molto di più la straordinarietà dei successi che aveva ottenuto che la tristezza del giorno in cui il Forest abbandonava la massima serie. Fu un momento davvero emozionante, che dimostrò quale fosse stato l’impatto della sua figura sulla storia del Club, e come sarebbe stato difficile sostituirlo.

Clough stesso aveva raccomandato Frank Clark, come suo successore, e l’affabile ex giocatore del Forest fu ingaggiato (anche se solo dopo che il suo vecchio compagno di squadra, Martin O’Neill, aveva rifiutato il lavoro perché il board non gli aveva permesso di portare con lui il suo assistente, l’altra leggenda del Forest John Robertson, suo secondo a Wycombe Wanderers). Clark è una persona deliziano, piacevole, che gode di un grande rispetto da parte dell’ambiente: aveva vinto tutto, con il Forest, e questa continuità con il grande Manager si rivelò un valore aggiunto, nonostante il fatto che Frank non avesse ottenuto risultati particolarmente buoni, nel suo periodo a Leyton Orient. I manager che si sono susseguiti al City Ground dopo la partenza di Clough si sono mostrati spesso intimiditi dall’ombra incombente dei suoi successi, ma l’umiltà di Clark, e il fatto che avesse preso parte attiva agli stessi, sembrò permettergli di confrontarsi molto di più con la squadra e con le sfide che questa gli proponeva che con le foto appese nei corridoi.

La retrocessione significò la partenza di diversi giocatori chiave: ma la loro vendita portò una buona quantità di denaro nelle casse del Forest: Nigel Clough si diresse verso Liverpool sponda red per oltre 2 milioni di sterline e Roy Keane verso Manchester sponda United per 3,75 milioni (fu una cifra record, allora). Nigel aveva trascorso buona parte della sua vita al Forest, alla fine come giocatore, ma prima come ragazzino, quando sedeva accanto a suo padre sulla panchina dei Reds, ma la brutalità del modo di cui il board del Forest aveva allontanato il padre gli aveva lasciato un gusto amaro in bocca, tanto che è lecito chiedersi se quell’evento non stia ancora avvelenando i suoi sentimenti nei confronti dei Reds, e non lo abbia spinto a accettare il ruolo di manager dall’altra parte della strada, a Derby County.

Questi trasferimenti consegnarono a Frank Clark un buon tesoro di guerra con il quale ricostruire la squadra, tanto più che il fatto che Stuart Pearce avesse deciso di rimanere a Nottingham fece capire ai possibili obiettivi di mercato (e anche ai tifosi ancora sotto choc) che le intenzioni del Forest di tornare rapidamente in Prima Divisione erano assolutamente serie.

Il nuovo manager cominciò subito a fare le cose che l’ultimo Clough si era rifiutato di fare: portò al City Ground l’attaccante Stan Collymore da Southend United e il difensore Colin Cooper da Millwall, correggendo gli ultimi errori di Clough e sostituendo in modo degno Teddy Sheringham e Des Walker; entrambi i giocatori erano stati per qualche tempo nel radar del Nottingham Forest, ma Clough si rifiutò sempre di spendere la cifra chiesta per Collymore, anche durante la battaglia per non retrocedere.

Clark fece anche ingaggi di minor profilo ma utilissimi, come l’esperto centrocampista David Phillips da Norwich, Des Lyttle da Swansea City per rimpiazzare la partenza del terzino destro Gary Charles, e poi l’acquisto cruciale, a novembre, dopo una partenza molto meno che spettacolare nell’allora League One: arrivò, infatti, il norvegese Lars Bohinen dallo Young Boys di Berna, che divenne immediatamente uno degli eroi della curva, e che aggiunse ulteriore abilità creativa al centrocampo.

Quando Bohinen arrivò, il 5 novembre 1993, il Forest aveva fatto su solo 4 vittorie nelle 14 partite iniziali della stagione, e i tifosi, che si sarebbero aspettati un ritorno non solo immediato, ma anche dominante nella serie maggiore, stavano diventando leggermente nervosi dentro alle loro magliette con su scritto “On loan to Division One”.

Il Norvegese si dimostrò il catalizzatore adatto per l’alchimia della squadra, e diede il via a una corsa durante la quale, fino alla fine della stagione, i Reds persero solo altre tre partite, e che li vide finire secondi alle spalle del Crystal Palace a ottenere una promozione immediata. Anche se l’arrivo di Bohinen sembrò fornire li pezzo finale al puzzle, certo non fu l’unico acquisto a brillare: Stan Collymore segnò 25 reti in 35 presenze in tutte le competizioni, giocando quasi sempre da attaccante unico nel 451 messo su da Clark, e fu assistito con grande abilità dal quintetto di centrocampo, che, oltre che Bohinen, era composto da Scot Gemmill, figlio d’arte, un altro link al passato glorioso del Forest, attraverso suo padre Archie, che segnò 10 reti, le ali Stone, Woan e Black con 5 ciascuno, e Phillips, non solo grande chiavistello davanti alla difesa, ma anche grande suggeritore di manovre offensive.

Dietro, Cooper mise su subito una grande intesa e amicizia con Steve Chettle, ottimo enfant du pays, e mostrò anch’egli un ottimo fiuto per il gol, visto che, grazie alle sue classiche proiezioni in avanti sui calci da fermo, mise su alla fine della stagione il non disprezzabile bottino di 9 reti, compresa una (questa volta con una gran punizione battuta personalmente) contro il Derby County al Baseball Ground che ci mise in grado di viaggiare a Peterborough, il successivo 30 di aprile, per assicurarci la promozione.
|

|
Clark, dunque, mise su una formazione che assomigliava molto al 451 utilizzato da Mourinho nei suoi anni al Chelsea, con un triangolo di centrocampisti davanti alla difesa, e una sola punta davanti, nel ruolo mirabilmente interpretato a Londra da Didier Drogba. Anche se apparentemente questa è una formazione difensiva, il modo in cui Clark riuscì a interpretarla, sfruttando il talento di Collymore e la sua capacità di sostenere da solo il peso dell’attacco, permise di sfruttare appieno la somma di grandi talenti che il Forest aveva a centrocampo, dando origine a un gioco piacevole, offensivo e spettacolare. Nonostante qualche cambiamento e qualche rotazione, una volta che Bohinen si fu unito alla squadra la formazione tipo rimase sempre più o meno questa:

Crossley

Lyttle — Cooper — Chattle — Pearce

Phillips

Stone — Bohinen — Gemmill — Black/Woan

Collymore

Nei primi mesi della stagione, il Forest aveva tentato varie formazioni e varie combinazioni di giocatori, che includevano, come compagni d’attacco di Collymore, giocatori poi passati ai margini della squadra come lo stesso Rosario, poi Lee Glover, una specie di Nigel Clough dei poveri, uno che aveva trovato fortune molto maggiori di quanto il suo talento non giustificasse sotto l’ultimo Brian Clough, e Gary Bull, uno che più che altro sembra essere stato ingaggiato perché il suo club, il Barnet, galleggiava in cattive acque, dal punto di vista finanziario, e aveva dovuto liberarsi di un ingaggio lasciando libero il giocatore di portare il suo cartellino dove volesse.

Sfortunatamente, nessuno di essi sembrava in grado di tenere le redini dell’attacco, fino all’arrivo di Bohinen, che sostituì le loro statiche interpretazioni del ruolo di seconda punta retrocedendo a centrocampo e giocando, partendo da dietro, un gioco di corsa e passaggio che si attagliò perfettamente allo stile di gioco di Collymore, e che catapultò la squadra prima alla promozione in Premiership e poi a un clamoroso terzo posto assoluto. La promozione fu sigillata da una vittoria a Peterborough, con un London Road pieno come un uovo di tifosi del Forest pronti a festeggiare: la partita non si mise benissimo, con due reti del Posh nei primi cinque minuti, ma con il passare dei minuti le reti di due leggende del Forest, una vecchia e una nuova, Pearce e Collymore, misero le cose a posto e assicurarono il 3-2 necessario a ottenere il ritorno matematico nella massima serie.

La stagione successiva vide l’arrivo di Bryan Roy, stella dell’Olanda, e il Forest si piazzò terzo, qualificandosi per la Coppa UEFA. Poi, la squadra cominciò a disintegrarsi: Collymore passò a Liverpool, ancora con un trasferimento record, e Bohinen sfruttò una clausola assurda del suo contratto per liberarsi e passare all’allora ricchissimo Blackburn. Il Forest condusse una dignitosa campagna europea, sopravvivendo più di tutte le altre squadre inglesi e arrivando fino ai quarti di finale, dove fu eliminata dal Bayern Monaco, ma di lì in poi iniziò un lento e inesorabile declino, e quella squadra rimane, a tutt’oggi, la migliore che il City Gorund abbia mai visto giocare dalla partenza di Clough in poi. Anzi, molto più delle squadre di Clough, per molti tifosi del Forest più giovani è proprio la squadra di Collymore, Pearce, Bohinen e Cooper la pietra di paragone con la quale saggiare la consistenza (o, più spesso, l’inconsistenza) delle versioni del Forest che da allora si sono succedute.
|

2 commenti

Archiviato in La storia del Nottingham Forest FC, La storia di Brian Clough, stagione 1992-1993