Chi sono gli Al Hasawi?

|

Dopo uno sguardo al passato, uno sguardo al possibile futuro: chi sono gli Al Hasawi? Sono una famiglia di imprenditori kuwaitiani, ma un po’ diversi dallo stereotipo dei magnati arabi che, ultimamente, paiono golosissimi di calcio occidentale, e ansiosi di aggiungere una squadra di calcio di prestigio alla loro sfilza di proprietà, allo stesso modo in cui noi aggiungiamo la maglietta della nuova stagione alla nostra collezione.

Non sono nobili, e non sono petrolieri: si tratta degli esponenti di un gruppo industriale e commerciale (i membri della famiglia che sarebbero interessati all’acquisto sono Fawaz, Abdulaziz e Omar, i nipoti del fondatore) nato nei sobborghi di Kuwait City nel 1962 come un modestissimo negozio per la riparazione di frigoriferi, boiler, e dei primi condizionatori d’aria.

Dal negozio di riparazioni si passò prima all’importazione di pezzi di ricambio, poi alla vendita diretta di materiale elettronico. Dall’elettonica, il gruppo si è diversificato, e ora l’Alhasawi Retail Group si occupa di un sacco di cose, dall’arredamento ai vestiti per bambini all’equipaggiamento sportivo.

La famiglia Al Hasawi ha una ricchezza imprecisata, ma passa per una delle più ricche del Kuwait, il che dovrebbe significare che “imprecisata” sta per “davvero un bel po’”.

Si tratta di una famiglia che ha sempre avuto grande passione per lo sport: Fawaz, il più appassionato e anche il più impegnato nella trattativa con il Doughty Estate e con la squadra, proprio per l’occasione si è dimesso — nello scorso maggio — dalla carica di presidente del maggiore club kuwaitiano, il Qadsia SC, dichiarando alla televisione del suo Paese l’intenzione di acquistare un club inglese.

Per conoscere meglio i possibili futuri proprietari del Club, diamo conto di un’intervista fatta dalla BBC a un giornalista sportivo del Kuwait, Mohammed Said:

|

La famiglia che sembra sul punto di acquistare il Nottingham Forest ha una storia di impegno e di investimento appassionato e leale nello sport.

Mohammed Said, che lavora per il giornale Al Qabas e è un commentatore televisivo di cose sportive, non ha alcun dubbio sul fatto che la famiglia Al Hasawi riporterà il Forest al successo:

“Sono molto famosi in Kuwait, e molto ricchi”, afferma.

“Fawaz Al Hasawi ha una tradizione di grande lealtà nei confronti dei suoi giocatori, e penso che potrà fare grandi cose per il Nottingham Forest”.

Alla famiglia Al Hasawi è stato garantito un periodo di negoziazione riservata e esclusiva per completare il takeover, e i suoi rappresentanti stanno espletando gli atti di due diligence insieme ai rappresentanti dell’asse ereditario della famiglia Doughty e con il CDA del Club.

Said è convinto che la storia della qualità e del successo degli investimenti sportivi di Fawaz Al Hasawi in Patria dovrebbe allontanare ogni dubbio sulla serietà delle intenzioni del gruppo kuwaitiano riguardo al Forest.

Fawaz Al Hasawi è stato il presidente dell’Al-Quadisya Sports Club nel suo Paese natale, e la sua decisione di fare un passo indietro da quella carica è stata la premessa dell’intenzione di cominciare a investire in un club inglese.

“È il miglior Club del Kuwait, è molto famoso”, dice Said. “È una polisportiva che si occupa di 16 sport, e non solo di football. Il Club calcistico ha vinto 16 volte il campionato nazionale, 4 o 5 delle quali sotto la direzione di Fawaz”.

“Ha messo un sacco di soldi dentro la squadra, ha aiutato i giocatori e ha anche finanziato la squadra nazionale”.

“Non so perché proprio il Nottingham Forest. Penso che sia un investimento a lungo termine, dal momento che, se il Forest era un grande club negli anni ’80, ora certo non lo è più”.

|

Intanto, l’ultima notizia è che Marc Bircham, il responsabile dell’accademia del QPR, ha rifiutato un’offerta per un ruolo non definito al Forest. È chiaro che finché la situazione della proprietà non sarà perfettamente definita, sarà quasi impossibile per il Forest fare qualsiasi tipo di mercato in entrata.

Annunci

2 commenti

Archiviato in NFFC: la cronaca

2 risposte a “Chi sono gli Al Hasawi?

  1. Be’, la situazione appare rosea, almeno per ora. Sempre sperando che non decidano di cambiare il colore sociale dal rosso al blu (in stile Cardiff) 😀

    • Non possono. Il Forest è la prima squadra del mondo a avere vestito la maglia rossa, per cui il True Red della nostra prima maglia è stato dichiarato Patrimonio Mondiale dell’Umanità dall’UNESCO.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...