Welcome at board.

§

wpid-0103081047154800-2012-02-10-11-22.jpg

Higginbotham, Wootton e Guédioura.

§

Dopo Adlene Guédioura, sono arrivati anche i rinforzi difensivi che aveva chiesto Cotterill dopo la partenza di Morgan. Si tratta di una vecchia volpe, di un ragazzo nel pieno della maturità sportiva (e della salute, a giudicare dalle foto..), e di un giovane di belle speranze: un mix non male, devo dire, per un mercato frettoloso e riparatorio quale quello del Forest di questa finestra.

* * *

Il giovane di belle speranze è Scott Wootton, difensore centrale, scuola Liverpool e Manchester United, una prima garanzia di qualità; ha vent’anni, e è un ragazzo che sta un po’ girando l’Inghilterra in prestito, ma che Ferguson non ha ancora deciso di vendere, cosa che, tutto sommato, costituisce una seconda solida garanzia di qualità.

Cresciuto nel Tranmere Rovers, è passato al Liverpool a 13 anni, ma rifiutò un contratto di scholarship a 16, e accettò l’analoga offerta del Man U. È stato il capitano della U18 nella stagione 2009-10, stagione dopo la quale è passato in pianta stabile alla squadra riserve. Ha giocato, in prestito, al Tranmere Rovers, la sua squadra d’origine, e al Peterborough, la squadra di Ferguson jr (era partito titolare nella partita che i Posh hanno vinto al City Ground per 1-0 nel Boxing day match; aveva giocato in posizione di centrocampista difensivo, una posizione che non gradisce ma nella quale Ferguson lo schierava spesso: è questo il motivo, ha dichiarato, per il quale ha accettato di cambiare squadra in corso d’annata); in queste due esperienze, ha giocato 18 partite di campionato e una manciata di partite di coppa, marcando una rete.

Ha ricevuto diverse convocazioni nelle nazionali giovanili, e vanta una presenza nell’U17.

Nell’intervista che ha rilasciato al NEP, oltre alle dichiarazioni di prammatica, si è detto stupito — dopo aver visto i suoi compagni in allenamento — che una squadra con giocatori così forti sia in lotta per non retrocedere, e si è dichiarato sicuro che una vittoria in una partita di Lega sbloccherà il blocco d’ansia che impedisce al Forest di ottenere i risultati che potrebbe. È quello che speriamo anche noi, Scottie.

* * *

George Elokobi — il ragazzo nel pieno della maturità sportiva — è un possente difensore sinistro camerunese, classe 1986, protagonista di una classica storia di migrazione di successo: lui che rimane orfano di padre in tenera età, la madre che parte per l’Inghilterra per studiare e trovare un lavoro, lui che la segue a 16 anni, studia e gioca a pallone, preferisce il secondo alla scuola, entra in una squadra non-league, il Dulwitch Hamlet, viene notato dal Colchester Utd, al quale passa nel 2004, e, infine, sfonda nel calcio che conta. Nel 2008 passa ai Wolves, con i quali vince subito la Championship, e è titolare nella successiva stagione di PL, prima di cominciare una competizione per il ruolo con Stephen Ward, che, alla fine, l’ha portato a scegliere un meno prestigioso ma più sicuro posto al Nottingham Forest, per combattere una ancor più difficile lotta per non retrocedere.

Una curiosità: ha segnato tre reti per i Wolves, tutte contro il Manchester United. Una in una partita di coppa di lega, il 26 ottobre del 2010, e due in una partita di campionato, il 2-1 per i Lupi del 5 febbraio 2011: la seconda rete, in mischia, fu però reclamata dal suo compagno Kevin Doyle, che stargiurò di aver toccato il pallone con la nuca prima che finisse alle spalle di Van Der Saar.

Giocatore molto serafico (il suo primo tweet che ho letto, dopo che mi sono iscritto al suo account, è stato “The best things in life comes to those who have patience”), ha dichiarato, appena arrivato al City Ground, che “ci sono un sacco di partite da giocare, e per adesso non c’è nulla di cui avere paura”.

§

wpid-0103081046955500-2012-02-10-11-22.jpg

George Elokobi, il mio nuovo idolo assoluto.

§

Non so voi, ma se lo dice lui, io ci credo.

* * *

E, infine, la vecchia volpe, Danny Higginbotham, un difensore centrale/sinistro molto tosto e giramondo, classe 1978, di scuola Manchester United, la squadra della sua città, per la quale giocò anche sette partite prima di trasferirsi al Derby County, per tre anni (vinse il fans’ Player of the Year Award nell’anno dell’ultima retrocessione dei Rams in League One), al Southampton, per altri tre anni, poi per una stagione a Stoke City e a Sunderland prima di tornare a Stoke City, squadra per la quale gioca tuttora, diventando un beniamino di Pulis, allenatore con il quale lo accomuna, probabilmente, l’idea di come dev’essere affrontata una partita di calcio.

È stato uno dei protagonisti della FA Cup 2011, nella quale i Potters sono arrivati in finale, che però Danny non disputò a causa di una grave lesione al crociato verificatasi nel corso di una partita di campionato contro il Chelsea. Rientrato lo scorso ottobre, non è più riuscito a ristabilirsi come titolare, e ha chiesto un trasferimento in prestito per ritrovare forma, condizione, e, possibilmente, un posto in prima squadra, anche se le sue ultime dichiarazioni rivelano un certo pessimismo rispetto alla possibilità di tornare da protagonista al Britannia Stadium.

Annunci

2 commenti

Archiviato in trasferimenti giocatori

2 risposte a “Welcome at board.

  1. Di la verità, Elokobi lo avete preso dai Leicester Tigers, vero? Formerebbe un bel pacchetto insieme a Castrogiovanni. Insomma, dopo l’addio del buon Wes Morgan, Elokobi è quel che serviva 😉
    Higginbotham lo ricordo molto bene a Stoke. E’ un difensore arcigno, da sempre un punto di riferimento impotante per la linea difensiva dei Potters. Infatti mi sono stupito del fatto che Pulis se ne sia privato. Per il Forest penso sia un ottimo acquisto.

    • Sono due ottimi acquisti, soprattutto il secondo, e, infatti, già un po’ sabato si è visto, anche se conserviamo sempre la capacità di concedere tutto quello che si può concedere: su due tiri del Watford, hanno fatto un gol e hanno preso una traversa. Ora, se avessimo uno che la butta dentro non dico alla grande, ma normalmente, un po’ ci crederei, forse. Così non lo so. Domani vediamo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...