Il mondiale del Forest.

Quasi tutti sanno che Michael Dawson è un giocatore della nostra accademia, e è stato a lungo nella prima squadra del Forest, disputandovi 83 partite di lega. Mike è certamente il legame più forte tra i Reds e questo mondiale e, quando Fab si deciderà a farlo giocare, sarà anche il tassello decisivo per rendere meno tentennante la non perfetta linea difensiva dei Tre Leoni.

Pochi però sanno, o si ricordano, che altri due giocatori dei Bianchi hanno legami più o meno forti con il club di Nottingham: Shaun Wright-Phillips è un altro prodotto dell’accademia del Forest, nella quale passò cinque anni, dal 1993 al 1998, ma non arrivò mai in prima squadra. Fu “rilasciato” all’età di 17 anni, perché era giudicato fisicamente inadeguato al calcio inglese. Il City ringraziò sentitamente.

John Terry ha indossato un’unica altra maglia, a parte quella blue del Chelsea, nella sua carriera professionistica: proprio quella rosso-garibaldi. Fu dato per un breve periodo in prestito al Forest, nel 2000, e giocò sei partite per i Reds. Vedere Terry indossare una maglia rossa è certamente bizzarro, ma il blog sul Forest e su Brian Clough è qui apposta per stupire i suoi lettori.

Annunci

6 commenti

Archiviato in world cup 2010

6 risposte a “Il mondiale del Forest.

  1. FrancisWolves

    Che tenero il giovane Terry in rosso! Be', se consideriamo il livello della nazionale inglese a questi mondiali, forse sarebbe meglio nascondere questi trascorsi nel Forest (tranne per Dawson, finora mai utilizzato) 😉

  2. In effetti, c'è di che stare piatti su questo fatto, e scrivere un post nel quale affermare che il Forest non ha nulla a che fare con questo scempio. Oppure, pensare che Lee Camp in porta, Wes Morgan in difesa e McGugan a centrocampo avrebbero fatto miglior figura dei vari Green, James, Carragher e Lampard. Ma vediamo come va a finire, prima.

  3. FrancisWolves

    Non so, non so. La Svizzera batte la Spagna, l'Italia pareggia con Paraguay e Nuova Zelanda (!), la Francia è praticamente fuori, il Brasile suda contro la Corea del Nord, l'Inghilterra è inguardabile..Sto seriamente pensando che la vittoria dell'Inter in Champions abbia seriamente alterato gli equilibri del calcio mondiale.

  4. Può essere! Sappiamo bene come il calcio si basi soprattutto su fattori metafisici. Però, a questo punto, non saprei per chi tifare. Forse per la Svizzera. Avessi dieci euro da buttare, comunque sia, in questo casino, li butterei (come tutti) sull'Argentina. Ma ora vediamo com'è veramente il Brasile.

  5. Io inizio a pensare che le vitorie dell'Inter hanno davvero avuto una funzione pedagogica, soprattutto per quelle squadre che non hanno mai avuto particolare dimestichezza con le vittorie.Un'ora di converszione con Mourinho, per i ragazzi, può essere più utile che la lettura di un'opera della Montessori 

  6. Ah, questo senz'altro, Muttley. Però non va dimenticato che oltre all'impegno e al rigore tattico, l'Inter qualcuno che sa giocare al calcio davvero bene in squadra ce l'ha.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...